Con o senza Sarri, tanti addii per la Lazio. Il primo potrebbe essere Correa

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Sono giorni frenetici in casa di una Lazio che attende di risolvere la questione panchina dopo l'addio di Simone Inzaghi con destinazione Milano, sponda Inter. E in questo senso si attende la firma di Maurizio Sarri sul contratto proposto da Claudio Lotito, nonostante il ("piccolo") cambio di termini economici in corsa. Ad ogni modo, Sarri o no, il prossimo dovrebbe essere un mercato pieno di saluti.

Maurizio Sarri | Alessandro Sabattini/Getty Images
Maurizio Sarri | Alessandro Sabattini/Getty Images

Dopo aver fallito la qualificazione in Champions League, infatti, la Lazio potrebbe decidere di far cassa cedendo un big come Joaquin Correa, non inserito nella lista degli intoccabili di Sarri nei discorsi tecnici portati avanti in questi giorni. Sul Tucu c'è in particolare l'interesse della Premier League, con West Ham ed Everton in testa, ma la valutazione data dai biancocelesti è alta: almeno 40 milioni.

Denis Vavro durante il prestito all'Huesca | Alex Caparros/Getty Images
Denis Vavro durante il prestito all'Huesca | Alex Caparros/Getty Images

Ma l'argentino non sarà l'unico, spiega la Gazzetta dello Sport, visto che la società punterà a far cassa anche con esuberi e calciatori che torneranno a Formello dai rispettivi prestiti. Tra questi Durmisi, Kiyine, Jony, Jordan Lukaku, Vavro (pagato 15 milioni...) e Adekanye. Per Tare sarà difficile monetizzare, ma c'è il bisogno assoluto di sfoltire una rosa che conta 30 elementi. Davvero troppi per ogni allenatore.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli