Conferenza stampa Milan-Manchester Utd, Pioli: "Non accontentiamoci". Kjaer: "Domani è una finale"

Andrea Gigante
·4 minuto per la lettura

Domani alle 21.00 il Milan sarà alle prese con la partita più importante della stagione. I rossoneri dovranno infatti disputare il match di ritorno degli ottavi di Europa League contro il Manchester United. L'obiettivo è quello di difendere l'1-1 dell'andata e cercare il pass per i quarti.

Oggi pomeriggio si è tenuta la conferenza stampa di rito del tecnico Stefano Pioli, accompagnato per l'occasione dall'esperto difensore Simon Kjaer. Andiamo a leggere cos'hanno detto.

Le parole di Pioli

L'Europa League del Milan e la condizione dello United: "Tutte le partite che abbiamo fatto ci hanno aiutato a crescere. Il risultato domani è importante perché arriverebbe con un avversario di grandissima qualità come il Manchester United. Ora dobbiamo puntare a vincere. Le difficoltà domani ci saranno tutte, visto la qualità dei nostri avversari. Dovremo giocare con grande qualità e personalità per cercare di avere la meglio. Non perdono - mi sembra - da undici partite".

Sugli infortunati e del possibile schieramento di Ibra dal 1': "Bennacer e Ibrahimovic saranno convocati. Rientrano dai lunghi infortuni, ma sono contento del loro recupero. Per gli altri ci dobbiamo prendere un altro giorno. Solo domani capiremo se Leao, Romagnoli, Rebic e Calabria saranno della partita. Sceglierò domani se schierare Zlatan dal 1'. Il suo rientro è importante, ma ovviamente non può avere i novanta minuti nelle gambe". Non so se sia stato bravo a Sanremo perché non l'ho visto, ma sul campo rimane un grande campione. Meglio Ibrahimovic o Cavani? Cavani è un ottimo giocatore, ma Ibrahimovic è un campione e me lo tengo stretto"

Ibrahimovic fa sentire la sua presenza anche dalla panchina | Jonathan Moscrop/Getty Images
Ibrahimovic fa sentire la sua presenza anche dalla panchina | Jonathan Moscrop/Getty Images

Sul risultato dell'andata e sulla gara di domani: "Quando prepari le partite te le immagini anche, ma è difficile fare delle previsioni. All'andata il Manchester è stato aggressivo, ma noi siamo usciti bene con una buona gestione del pallone. Dobbiamo cercare di attaccare bene e cercare di essere pericolosi perché non possiamo gestire niente dopo l'1-1 dell'andata".

Sull'andamento delle italiane in coppa: "Le italiane non riescono a reggere il doppio impegno? Gli ultimi risultati delle squadre italiane stanno dicendo questo, anche se l'Inter l'anno scorso è arrivata in finale di Europa League. In Europa si gioca con più ritmo e qualità, noi abbiamo giocato a Manchester con ritmo e qualità su un manto erboso perfetto, mentre in Italia è difficile trovare campi del genere. Siamo un po' indietro su tutto, in Italia dobbiamo migliorare in tutti i settori. Dobbiamo rimboccarci le maniche".

Sugli obiettivi di inizio stagione: "Tutti avrebbero firmato, ma non dobbiamo accontentarci. Abbiamo alzato le aspettative, abbiamo dimostrato di poter ottenere certi risultati. Abbiamo fatto bene finora, ma se a fine anno non avremo nulla in mano. Tutti avremmo firmato per essere a questo punto della stagione agli ottavi di Europa League e secondi in campionato".

Le dichiarazioni di Kjaer

Sulla partita di domani: "Si può fare sempre meglio, ma la partita che abbiamo fatto all'andata ci ha dato ottime risposte. Si può però fare sempre qualcosa in più".

Sull'importanza di passare il turno: "Siamo cresciuti così tanto che non bisogna più parlare del nostro gruppo come giovane. La strada per arrivare qui è stata lunga, ci sono stati step positivi e alcuni più difficili. Abbiamo avuto sempre la stessa giusta mentalità. Quindi, superare il turno sarebbe un grande segnale per il gruppo. Domani è una finale ma se passi il turno non è stato fatto comunque niente".

Sul ritorno di Zlatan Ibrahimovic: "Credo che Zlatan dia sempre qualcosa, anche quando non gioca. Lui lo sa, così come il mister. Non posso esprimermi sulla possibilità che possa giocare o meno domani, ma sono certo che ci darà qualcosa di importante".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Sul Manchester United e il recupero di Cavani: "Sapevamo che avremmo affrontato una bella squadra con buone qualità, ma sapevamo anche della nostra forza. Cavani è un grande attaccante, tra l'altro ho giocato con lui al Palermo, quindi lo conosco bene. La sua carriera parla per da sola, ma sinceramente a noi non interessa chi scende in campo. La nostra preparazione della gara non cambia".

Dopo il forfait nel match d'andata, Cavani sarà della partita | Sebastian Frej/MB Media/Getty Images
Dopo il forfait nel match d'andata, Cavani sarà della partita | Sebastian Frej/MB Media/Getty Images

Sulla sua esperienza al Milan: "Da quando sono arrivato mi è stato chiesto di essere un esempio di professionalità per i giovani e ho cercato di farlo al meglio. Il gruppo del Milan è fantastico. E' affamato e ha voglia di imparare. Anche io ho imparato tanto da loro e sono cresciuto tanto. Dobbiamo continuare lavorare così e migliorare partita dopo partita".

Su Tomori: "Non lo conoscevo molto ma la mentalità con cui è entrato in squadra è quella giusta. È un difensore veloce e aggressivo, cosa che si vede difficilmente in Italia. Abbiamo parlato molto: la comunicazione tra centrali è importante per capire i movimenti da fare. È un giovane con tantissime qualità".

Kjaer ed Eriksen con la maglia della Danimarca | Richard Heathcote/Getty Images
Kjaer ed Eriksen con la maglia della Danimarca | Richard Heathcote/Getty Images

Sulle parole di Eriksen: "Non ho visto che aveva detto qualcosa su di me. Se ha detto qualcosa di negativo stava scherzando, se invece ha detto qualcosa di positivo gli dico grazie".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A.