Conte al Tottenham: problemi sul mercato per Inter, Milan e Juve

·1 minuto per la lettura

Antonio Conte è il nuovo allenatore del Tottenham. L'ex ct dell'Italia ha firmato un contratto fino a giugno 2023 con un ingaggio da 15 milioni di sterline a stagione: circa 17,5 milioni di euro netti all'anno. Reduce dalla sconfitta per 3-0 in casa contro il Manchester United che ha sancito l'esonero del tecnico portoghese Nuno Espirito Santo, la squadra inglese gioca giovedì sera col Vitesse in Conference League ancora al New White Hart Lane, mentre domenica pomeriggio è impegnata in campionato sul campo dell'Everton di Benitez.

La prima missione di Conte sarà quella di rivitalizzare quei giocatori che stanno rendendo al di sotto dei loro standard come Ndombelé, Dele Alli e Harry Kane. Poi a gennaio riaprirà il mercato e Fabio Paratici è pronto ad aiutarlo per cercare i rinforzi giusti. Sul taccuino del direttore sportivo del Tottenham ci sono tre calciatori che giocano in Italia, uno per reparto: Stefan de Vrij, Franck Kessié e Dusan Vlahovic. Quest'ultimo è anche nel mirino della Juventus, che ora teme la beffa dagli ex bianconeri Conte e Paratici. Tutti e tre i giocatori in questione hanno delle situazioni contrattuali favorevoli per gli acquirenti: il 25enne centrocampista ivoriano del Milan è in scadenza di contratto a fine stagione, il 29enne difensore olandese dell'Inter e il 21enne attaccante serbo della Fiorentina a giugno 2023.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli