Conte e i 17,5 milioni dal Tottenham: 'Io lavoro al top, giusto che mi paghino. Il colpo lo fa chi mi prende'

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Antonio Conte è ripartito dal Tottenham, un contratto faraonico fino al giugno 2023 per rimettersi in gioco in Premier League. Così Le Iene sono andate a trovarlo per punzecchiarlo tra stipendio e buonuscita presa dall'Inter, in un servizio che andrà in onda questa sera su Italia 1.

Intercettato dall'inviato Stefano Corti che ha ironizzato: "​Un vero colpo in banca, finalmente abbiamo trovato squadra!”, le parole dell'inviato. "Si, abbiam trovato squadra”, risponde Conte. “Da allenatore all’esordio con Juventus, Chelsea, Inter ha sempre vinto lo scudetto. E con il Tottenham?” ancora Corti. “Già entrare nelle prime quattro sarà un’impresa", replica Conte.

Corti fa un paragone con la serie tv La casa di carta ​e porge all'allenatore la maschera di Salvador Dalì: "​Ma veniamo al suo colpo in banca, le abbiamo portato questa maschera perfetta per l’occasione. L’aiuterà a portare a buon fine il colpo!”. E Conte risponde: "​Penso che il colpo l’abbia fatto chi mi prende. Farà sicuramente un grande colpo". Ancora la "iena": "​Da oggi il suo soprannome sarà Lecce! Entra ufficialmente nella banda de La Casa di Carta. Un colpicino in banca l’abbiamo fatto, 17.5 milioni all’anno più la buonuscita…”, e Conte risponde: “Si ma non è così, tu fai il lavoro tuo ed è giusto che lo fai bene. Io lo faccio al top ed è giusto che mi paghino.”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli