Conte esalta l'Italia: "È arrivata in finale con pieno merito. Mancini deve andare orgoglioso di una cosa"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

"L'Italia è arrivata in finale con pieno merito. Perché si è dimostrata più completa di ogni avversario incontrato e capace di gestire diverse situazioni di gioco, sia in fase di possesso che di non possesso palla. Cercando di mantenere sempre una propria idea, identità e stile, ma sapendosi anche adattare alle qualità fisiche, tecniche e tattiche degli avversari, per trovare il modo migliore di ottenere il massimo risultato". Lo scrive Antonio Conte, ex ct della Nazionale, in un lungo pezzo di analisi per La Gazzetta dello Sport, di cui riportiamo qualche altro stralcio.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

"A volte ha dominato, altre volte ha mostrato resilienza, carattere e spirito di sacrificio esaltando le qualità collettive e individuali. Il grande merito di Mancini è aver dato alla squadra tante conoscenze che i giocatori dimostrano di aver mandato a memoria - prosegue sulla rosea ct azzurro -. Il nostro c.t. deve andarne orgoglioso. Una partita si può vincere o perdere anche per episodi, ma chi studia calcio sa quanto lavoro c'è dietro e la lunga striscia di risultati positivi e l'approdo a questa finale degli Europei hanno radici profonde. Il nostro calcio d’altra parte è sempre stato fatto di studio, applicazione e conoscenze. Ci sarà un motivo se nei grandi tornei siamo quasi sempre arrivati fino in fondo. L’Italia resta una garanzia. Lo dice la nostra storia".

In un altro passaggio del lungo approfondimento, Conte sottolinea anche che "spesso in Italia vediamo l’erba del vicino più verde della nostra. Ma non sempre è così. Gli allenatori italiani sono tra i più bravi, completi e preparati al mondo. E sanno trasferire le loro conoscenze: la costruzione del gioco dal basso, lo sfruttamento del palleggio con il fine di verticalizzare il gioco e, ormai da diversi anni, anche fare un pressing ultra offensivo lasciando in fase difensiva degli uno contro uno. Ma nello stesso tempo, quando serve, sappiamo abbassarci, chiudere gli spazi, occupare la nostra metà campo, difenderci, ripartire. Nel calcio per vincere bisogna saper fare tutto, in base ai momenti della partita. Se sei bravo solo in una cosa, non sempre basta. I nostri giocatori sono stati allenati a gestire tutte le diverse fasi di gioco. Ci sono momenti in cui pressare alto, altri in cui essere sotto palla sulla trequarti, altri ancora nella propria metà campo. A volte vieni costretto a farlo dall’avversario, ma spesso sono scelte per colpirlo, farlo aprire, sfruttare gli spazi, affondare nei suoi punti deboli. Spesso per descrivere una azione offensiva si usa semplicisticamente il termine ripartenza. Quest’ultima c'è solo ed esclusivamente quando non hai il possesso palla e la rubi agli altri. Se invece la palla ce l'hai tu, non è mai ripartenza, ma costruzione di gioco che può partire dal portiere e dalla difesa, dal centrocampo o nella metà campo avversaria se gli avversari si difendono bassi".

Segui 90min su Instagram e Twitch!

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli