Conte-Inter, il retroscena: "Dopo Mourinho Moratti non lo volle per un motivo preciso"

Omar Abo Arab
·1 minuto per la lettura

Per lo scudetto all'Inter manca poco, con la strada verso il tricolore completata al 95%, come spiegato dallo stesso Antonio Conte a margine della sofferta vittoria con il Verona dell'ultimo turno. E proprio sull'attuale tecnico Ernesto Paolillo, ex dirigente del club nerazzurro, ha rivelato un interessante retroscena ai microfoni di Calciomercato.com in una diretta Twitch.

Mourinho ai tempi dell'Inter | Handout/Getty Images
Mourinho ai tempi dell'Inter | Handout/Getty Images

"Il mio pentimento più forte è stato quello di non aver perseguito in fondo la mia idea, che era quella di smobilitare una squadra sì vincente ma stanca e vuota. E Mourinho che lo sapeva bene è scappato la sera stessa della vittoria e quello non glielo perdonerò mai. Io ero convinto che quella squadra andasse smantellata per motivi anche etici, perché non si può vincere una Champions e andare davanti alle telecamere (Milito, ndr) a chiedere un aumento. Ma Moratti mi disse: "Cosa succede se non vinciamo dopo aver smontato la squadra e i tifosi me lo imputano?".

Mourinho e Moratti nel 2010 dopo la Champions vinta | Shaun Botterill/Getty Images
Mourinho e Moratti nel 2010 dopo la Champions vinta | Shaun Botterill/Getty Images

E ancora: "Io pensavo che sarebbe stato bello ricominciare da capo e con un allenatore diverso da Benitez, che sapesse costruire e lavorare su una nuova squadra. Se avevo un'idea? Conte e lui se lo ricorda. Ne avevamo parlato in uno stadio dopo una partita dell'Inter, si chiacchierava e gliel'avevo buttata là. Lui aveva idee chiare.Il problema vero è che in quel momento il presidente non se la sentiva di portare davanti alla tifoseria dopo Mourinho uno juventino" ha concluso Paolillo.

Segui 90min su Instagram.