Conte-Tottenham, tutto in una settimana: la situazione

·1 minuto per la lettura

Con l'Inter che lo ha sostituito con Simone Inzaghi (oggi è arrivata anche l'ufficialità), Antonio Conte resta uno dei pochissimi allenatori top senza una panchina. Non un problema per il salentino, che di estimatori ne ha a bizzeffe. Tanto che sono già cominciati i contatti con il Tottenham alla ricerca del dopo-Mourinho (esonerato pochi mesi fa e ora alla Roma).

Una vista di New White Hart Lane | Richard Heathcote/Getty Images
Una vista di New White Hart Lane | Richard Heathcote/Getty Images

Lo ha rivelato Sportmediaset.it che ha spiegato come le parti non siano lontanissime, anche se per la definitiva fumata bianca serve ancora un altro sforzo da parte della dirigenza degli Spurs: ballano ancora 3 milioni di euro e la situazione, in un modo o nell'altro, dovrebbe risolversi nel giro di una settimana. Conte tornerebbe volentieri in Premier League dopo l'esperienza al Chelsea, ma vuole, oltre ad un accordo economicamente alla sua altezza (all'Inter guadagnava 12 milioni di euro), anche precise garanzie sul tipo di mercato che il Tottenham adotterà in estate, con l'obiettivo del tecnico che sarà quello, come sempre, di puntare al titolo.

Romelu Lukaku | Marco Luzzani/Getty Images
Romelu Lukaku | Marco Luzzani/Getty Images

Con lui potrebbe volare oltremanica anche Fabio Paratici, che sembra abbia già l'accordo con il Tottenham, ma che attenderà la conferenza d'addio alla Juve per mettere tutto nero su bianco. Ma c'è anche un'altra questione da risolvere, qualora Conte si accasasse sulla panchina degli Spurs: la questione Harry Kane, che ha già chiesto di lasciare New White Hart Lane. E Lukaku, pupillo del tecnico, ha già spiegato che resterà all'Inter...

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli