Conte-Zhang: domani la resta dei conti. Incontro decisivo: le richieste di Antonio per restare all'Inter

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Sono giorni importanti in casa Inter. Manca poco alla resa dei conti tra Antonio Conte e Steven Zhang. Si parlerà di programmi e progetti futuri, con il tecnico nerazzurro che è certo della riconferma ma non è sicuro di restare alla guida del suo attuale club. Ma andiamo con ordine.

Stando a quanto riferito dalla Gazzetta dello Sport, ieri è andato in scena un primo summit importante tra Antonio Conte e i dirigenti al gran completo. Marotta, Ausilio, Antonello, Baccin e il vicepresidente Javier Zanetti.

Antonio Conte | Jonathan Moscrop/Getty Images
Antonio Conte | Jonathan Moscrop/Getty Images

Nel summit in questione sarebbe stata delineata la traccia che verrà portata avanti anche domani nel faccia a faccia con Steven Zhang. Il tecnico vuole sapere se ci sarà un ridimensionamento da parte di Suning, dopo le ultime mosse, o se il progetto potrà essere importante e soprattutto vincente. La voglia di inseguire la seconda stella non è inferiore all’ambizione, dunque alla richiesta di una squadra ancora in grado di vincere. Conte non accetterà passi indietro nella programmazione e non accetterà la cessione dei big, come ad esempio i tre centrali e Lautaro Martinez. Dopo aver vinto lo Scudetto, il tecnico non vorrebbe tornare a lottare per un posto in Champions. Dunque, Zhang dovrà mostrare argomenti importanti e interessanti per convincere il tecnico a rimanere.

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli