Coppa Italia, oggi derby Inter-Milan senza pensare a scudetto

·4 minuto per la lettura

(Adnkronos) - Inter e Milan in campo stasera nel derby di ritorno della semifinale di Coppa Italia. Dopo lo 0-0 dell'andata, nerazzurri e rossoneri si sfidano alle 21 (diretta tv su Canale 5) per un posto in finale. Nel doppio confronto vale ancora la regola che premia i gol in trasferta in caso di parità: se il match dovesse terminare con un pareggio con gol (1-1, 2-2...) si qualificherebbe il Milan. All'appuntamento arrivano le due squadre in lotta per lo scudetto. Milan primo, Inter staccata di 2 punti ma con un match da recuperare. I due allenatori - Stefano Pioli e Simone Inzaghi - provano a congelare per qualche ora il discorso campionato.

INZAGHI - "La squadra arriva carica e motivata, sappiamo l’importanza della sfida e quello che rappresenta per società e tifosi. Veniamo da tre vittorie consecutive e stiamo preparando molto bene la partita", le parole di Inzaghi alla vigilia. "Per quanto riguarda le scelte, un allenatore ha sempre tanti dubbi e tante scelte da fare quotidianamente. Per la partita di domani mancano 2 allenamenti e cercherò di scegliere il meglio per una sfida che è importantissima. Poi ci sarà il campionato, siamo in corsa per entrambi gli obiettivi e stiamo facendo un ottimo percorso considerando che a gennaio è già stata vinta la Supercoppa".

"Abbiamo giocato fino adesso 3 derby, 2 di campionato e quello di Coppa Italia, domani sappiamo che dobbiamo e vogliamo vincere per andare in finale. Sappiamo che potevamo ottenere di più in quelli passati, dovevamo essere bravi a indirizzare gli episodi che sono determinanti ma domani c’è una partita importantissima perché vale una finale. Anche sapendo dell’importanza del gol in trasferta bisognerà avere una concentrazione massima in ogni momento della partita sapendo che stiamo affrontando un avversario di valore, bisognerà tenere altissima la concentrazione per tutti i 95 minuti e nel caso per il proseguo della partita. Qual è la difficoltà di questa partita? Bisognerà avere una concentrazione ancora più alta, non avendo segnato all’andata la nostra attenzione deve essere massimale perché ogni momento della partita può rivelarsi decisivo", ha aggiunto Inzaghi.

"E' arrivato il momento giusto per festeggiare un derby anche a Milano? È quello che ci auguriamo tutti, domani giochiamo nel nostro stadio con un pubblico incredibile che ci ha sempre trascinati. Nell’ultima partita contro il Verona lo stadio ci ha aiutato tantissimo e domani avremo consapevolezza di questo sapendo che è una partita importantissima con una posta in palio molto alta", ha spiegato Inzaghi conscio che il fatto di non aver vinto ancora un derby in stagione può essere una spinta in più. "Senza dubbio, sono stati 3 derby diversi, i primi 2 li abbiamo li giocati molto bene, nell’ultimo le squadre si sono equivalse sapendo che c’era il ritorno e il peso del gol casa e in trasferta ed è stato più bloccato. La squadra lo sa e sa che quella di domani è una grandissima occasione da sfruttare nel migliore dei modi".

PIOLI - "Sappiamo benissimo quale deve essere il nostro cammino in campionato", ha fatto eco Pioli. "Non credo che il derby" di oggi "sia decisivo in questo senso". "Puntiamo tutto sul gioco di squadra, più sei unito e più sei disposto a sacrificarti per i compagni. Abbiamo vissuto una giornata molto bella insieme, ne abbiamo approfittato per stare insieme alle famiglie e al Club, che ci sostiene sempre. Da qui alla fine dobbiamo cercare di vincerle tutte, la squadra è molto concentrata e motivata, questa energia positiva dovrà accompagnarci", ha aggiunto.

"Dovremo legere bene la gara bene e i dettagli saranno decisivi. All'interno della partita troveremo momenti in cui accelerare e altri in cui rallentare. L'Inter, in campo aperto, può essere pericolosa e noi dovremo essere bravi a gestire al meglio il pallone", ha aggiunto Pioli che sulla solidità difensiva dei rossoneri ha spiegato che "non prendere gol è un fattore, mi sorprende un po' perché ci prendiamo sempre qualche rischio difendendo a campo aperto, ma la crescita di tutta la squadra è stata importante. L'applicazione, l'intensità e la concentrazione dovranno essere di alto livello".

Sulle condizioni degli infortunati Pioli ha aggiunto che "per Calabria e Romagnoli vedremo oggi, Davide dovrebbe allenarsi, Alessio ancora non si è ancora unito alla squadra ma sarà decisivo anche per lui l'allenamento di oggi. Gabbia è uscito affaticato ma sta bene e domani ci sarà. Rebic? Ante sta bene e ha le qualità per essere decisivo, ma ogni giocatore deve scendere in campo con la mentalità che ogni pallone può essere quello più importante".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli