Coppa Maradona: la Top 11 combinata di Italia e Argentina

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·5 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Inizialmente sembrava una proposta romantica, ma col passare del tempo l'idea di giocare un'Italia-Argentina a Napoli ha preso sempre più piede, fino a raggiungere l'ufficialità dalla FIFA: la Coppa Maradona si farà.

L'idea è nata dal desiderio dei tifosi di vedere affrontarsi i campioni di Euro 2020 con quelli della Copa America, in una sorta di Supercoppa Mondiale. La scelta del capoluogo campano come sede della partita è poi un modo per celebrare uno dei migliori calciatori del mondo, Diego Maradona, scomparso tragicamente lo scorso anno. A Napoli il Pibe de Oro ha vissuto gli anni migliori della sua carriera e la città è diventata così un ponte di incontro ideale tra Italia e Argentina.

Non ci resta che aspettare di sapere quando verrà disputata la Coppa Maradona, ma nell'attesa, noi di 90min abbiamo combinato le due squadre, dando vita a questa Top XI.

1. Gianluigi Donnarumma

Gianluigi Donnarumma | Insidefoto/Getty Images
Gianluigi Donnarumma | Insidefoto/Getty Images

Il miglior giocatore di Euro 2020 non poteva di certo mancare in questa speciale Top 11. Nella prima parte del torneo non è stato impegnato particolarmente, ma con 3 rigori parati tra semifinale e finale, Donnarumma è stato decisivo per la vittoria del titolo per gli Azzurri.

2. Nicolàs Otamendi

Nicolas Otamendi | Pedro Vilela/Getty Images
Nicolas Otamendi | Pedro Vilela/Getty Images

Sebbene la CONMEBOL non l'abbia inserito tra i migliori giocatori della Copa America, la qualità difensiva di Otamendi è stata determinante per il cammino dell'Argentina. Con l'atalantino Romero, il centrale del City ha formato una coppia di difesa con un giusto mix tra spigliatezza ed esperienza.

3. Giorgio Chiellini

Giorgio Chiellini | Paul Ellis - Pool/Getty Images
Giorgio Chiellini | Paul Ellis - Pool/Getty Images

Capitano, leader, trascinatore: Giorgio Chiellini era tutto questo ancora prima di Euro 2020, ma questo successo è il giusto premio per un giocatore straordinario. Nel torneo ha saputo trasmettere sicurezza all'intero reparto riuscendo a smorzare i momenti di tensione con siparietti simpatici, come quello con Jordi Alba.

4. Leonardo Bonucci

Leonardo Bonucci | Marc Atkins/Getty Images
Leonardo Bonucci | Marc Atkins/Getty Images

Ormai con Chiellini forma un'unica entità di nome "Bonucci-Chiellini". Giocare nella stessa squadra di club ha creato un solido rapporto tra i due difensori e, quando vengono convocati in Nazionale, hanno meccanismi già rodati. Se il secondo è il difensore ruvido, Bonucci è quello tecnico, il primo regista della squadra in fase di costruzione.

5. Leonardo Spinazzola

Leonardo Spinazzola | Quality Sport Images/Getty Images
Leonardo Spinazzola | Quality Sport Images/Getty Images

L'infortunio al tendine d'Achille l'ha costretto ad abbandonare i campi di Euro 2020, ma Spinazzola ha sempre continuato ad appoggiare i compagni, proprio come quando si sovrapponeva sulla fascia per suggerire il passaggio. I chilometri che ha percorso durante il torneo l'hanno reso un pericolo costante per le difese avversarie.

6. Rodrigo De Paul

Rodrigo De Paul | MB Media/Getty Images
Rodrigo De Paul | MB Media/Getty Images

Dopo una grande annata con l'Udinese, Rodrigo De Paul era chiamato a dimostrare la propria classe anche a livello internazionale. Nonostante la mancanza di esperienza su certi palcoscenici, il CT Scaloni non ha esitato a schierare titolare Don Rodrigo nel centrocampo dell'Albiceleste. L'ex capitano dei friulani ha ripagato la fiducia a suon di grandi prestazioni.

7. Jorginho

Jorginho | Marc Atkins/Getty Images
Jorginho | Marc Atkins/Getty Images

Perno e metronomo del centrocampo azzurro, Jorginho sapeva dettare i tempi a tutta la squadra. Raramente l'abbiamo visto lanciare lungo, perché lui - da convinto sarriano - predilige il gioco palla a terra, con passaggi brevi ma a un tocco. La velocità di pensiero dell'italo-brasiliano è stata una delle chiavi per la vittoria dell'Italia.

8. Marco Verratti

Marco Verratti | Claudio Villa/Getty Images
Marco Verratti | Claudio Villa/Getty Images

Tutti gli italiani ringraziano Mancini per aver convocato Marco Verratti nonostante l'infortunio. Dopo aver saltato le prime gare per recuperare una condizione fisica ottimale, il centrocampista del PSG ha messo a disposizione degli Azzurri tutta la sua classe e l'esperienza internazionale di cui avevamo bisogno.

9. Federico Chiesa

Federico Chiesa | Claudio Villa/Getty Images
Federico Chiesa | Claudio Villa/Getty Images

Un Euro 2020 iniziato sottotono, con Berardi che gli veniva preferito sulla corsia di destra, ma più le partite diventavano decisive, più il rendimento di Chiesa cresceva. Il momento di svolta è stato senz'altro il gol all'Austria che ci ha permesso di passare ai quarti. Di lì in poi, il CT non ha più fatto a meno dell'esterno della Juventus che si è rivelato uno dei migliori giocatori della competizione.

10. Lautaro Martinez

Lautaro Martinez | Wagner Meier/Getty Images
Lautaro Martinez | Wagner Meier/Getty Images

La Copa America 2021 ha segnato il definitivo passaggio di testimone da Sergio Aguero a Lautaro Martinez come titolare nell'attacco dell'Argentina. Al Toro spettava il compito mai semplice di affiancare Leo Messi in avanti, cercando di metterlo nelle condizioni migliori di inventare. Il bomber dell'Inter ha retto le pressioni e, con 3 gol, è risultato il secondo marcatore migliore del torneo.

11. Lionel Messi

Lionel Messi | Buda Mendes/Getty Images
Lionel Messi | Buda Mendes/Getty Images

Col Barcellona, Leo Messi ha vinto tutto quello che si poteva vincere, ma per coronare la sua strepitosa carriera mancava una coppa con la sua nazionale. Per vincere quella coppa ha dovuto ancora una volta di essere il migliore di tutti, segnando 4 gol (capocannoniere) e illuminando il campo grazie ai suoi passaggi. Vedere la Pulce sollevare la Copa America fa bene al cuore; il modo in cui guarda il trofeo è indescrivibile, è come se fosse il primo titolo vinto in carriera. Non è così, era solo il più agognato.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli