Coronavirus, da Buffon a Pickford: gaffe e scivoloni da parte di calciatori e club

·2 minuto per la lettura

C'è poco da scherzare con il Coronavirus. L'emergenza Covid-19 si fa sempre più critica con il passare delle settimane con il virus che si sta man mano espandendo in gran parte dell'Europa. Nonostante questo c'è chi ancora sottovaluta la situazione o se ne esce con alcune battute poco felici.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

È il caso ad esempio di Jordan Pickford, portiere dell'Everton e della nazionale inglese, che ieri ha eluso il coprifuoco e si è recato al pub in compagnia di alcuni suoi amici per assistere ad un incontro di boxe e bere un paio di birre: ora è a forte rischio provvedimenti. Pickford tuttavia non è l'unico giocatore inglese ad aver compiuto un'uscita a vuoto in materia di Coronavirus: alcune settimane fa infatti anche Dele Alli del Tottenham si è reso protagonista di un episodio piuttosto discutibile sui social con un video in cui indossava una mascherina ed inquadrava una persona di origini cinesi che gli è costato una multa salatissima.


Anche in Italia però purtroppo qualcuno se n'è uscito con una battuta poco felice in tema Covid-19: parliamo di Gigi Buffon della Juve che lo scorso 13 febbraio al termine del match di Coppa Italia contro il Milan si è reso protagonista di una battuta che avrebbe potuto sicuramente evitare nei confronti di un ragazzo cinese al quale stava firmando un autografo.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Un'altra gaffe piuttosto clamorosa in materia di Coronavirus è quella che è stata commessa dal RB Lipsia domenica scorsa in occasione del match di Bundesliga contro il Leverkusen con 20 tifosi giapponesi che poco dopo il fischio d'inizio della partita sono stati cacciati dallo stadio per via della loro possibile positività al Covid-19: il club tedesco si è scusato affermando che si è trattato di un errore ma la gaffe resta. Tornando in Italia, invece, si sottolinea la "fuga" al supermercato dei giocatori del Napoli: una scelta che, subito dopo l'uscita del decreto più stringente, ha purtroppo accomunato molti italiani.

​ Segui 90min su Facebook , Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A !

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli