Coronavirus: il GP di Francia non è messo in dubbio

Lorenza D'Adderio
motorsport.com

L’epidemia del coronavirus si sta espandendo in maniera rapida in tutto il mondo, in particolare in Europa. La grande diffusione del contagio ha costretto FIM e Dorna a modificare il calendario del mondiale, a seguito dei decreti emanati dai governi negli Stati del Vecchio Continente, l’Italia soprattutto.

Al contrario di quanto avvenuto per le prime due gare della stagione, il Gran Premio di Francia è fino ad ora confermato, come comunicato dagli organizzatori dell’evento. La Francia, subito dopo l’Italia è il paese che in Europa conta il numero più alto di contagi, tuttavia quello che inizialmente doveva essere il quinto appuntamento del 2020 sembra non essere messo in discussione, dal momento in cui le misure sono estese fino al 15 aprile, ovvero un mese prima del GP.

“L’evento SHARK Helmets Grand Prix de France 2020, previsto nei giorni 15, 16 e 17 maggio prossimi sul circuito di Le Mans, non è messo in dubbio ad oggi” – si legge nel comunicato diramato dagli organizzatori – nel quadro d’evoluzione del coronavirus, la situazione in Francia e nel mondo evolve giorno dopo giorno, con decisioni sul caso che riguardano i numerosi eventi, siano essi sportivi, culturali o di altri ambiti”.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Leggi anche:

FIM, Viegas: "Cerchiamo già date alternative per Austin"

Il comunicato prosegue: “Lo SHARK Helmets Grand Prix de France 2020 deve avere luogo fra più di 60 giorni e nessun elemento permette di sapere in quale situazione ci troveremo entro allora. Pertanto, l’annullamento o il posticipo di un evento così lontano nel tempo non è possibile al momento. Poiché l’ottimismo è d’obbligo, ci auguriamo che l’insieme delle manifestazioni, di qualunque tipo si tratti, possano ritrovare un’attività normale il più presto possibile”.

Se il GP di Francia è al momento confermato, lo stesso non si può dire per il GP della Thailandia, rimandato ad ottobre, né per l’appuntamento di Austin, che si dovrebbe tenere fra meno di un mese. Nonostante non sia infatti ufficialmente posticipato o cancellato, quello che era diventato il gran premio d’apertura della stagione MotoGP potrebbe subire degli slittamenti. Lo Stato del Texas ha infatti annullato eventi di massa fino al 1 maggio, pertanto Viega ha rivelato che Dorna sta cercando delle date alternative.

Dorna ha confermato anche la cancellazione del round di Losail del mondiale Superbike, mentre la Formula E ha posticipato la gara cinese prevista per la prossima settimana e l’E-Prix di Roma, previsto agli inizi di aprile.

Potrebbe interessarti anche...