Coronavirus, l’appello di Andrea Agnelli: “Sono in quarantena volontaria”

notizie.it
Coronavirus Juventus
Coronavirus Juventus

L’allarme Covid-19 resta alto anche nel mondo del calcio. Prima la positività del giocatore bianconero Rugani, poi Gabbiadini della Sampdoria: così diverse squadre della Serie A hanno già attivato la quarantena. La scelta, alla luce dell’emergenza Coronavirus, è stata adottata anche dal presidente della Juventus. Andrea Agnelli, con un video pubblicato sui social, ha invitato tutti a restare a casa e ha ricordato l’aiuto offerto agli ospedali di Torino e del Piemonte.

Coronavirus, il video del presidente della Juventus

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Anche la Juventus, dopo la notizia della positività di un loro giocatore, è in prima linea per sostenere il personale sanitario piemontese. A farlo sapere, attraverso una comunicazione sui canali social della squadra, è stato il presidente Agnelli, che ha aperto una raccolta fondi. Così si vuole dare un aiuto a Torino e a tutto il Piemonte per proseguire la battaglia contro la pandemia di Coronavirus.

“In questo momento di emergenza sanitaria anche noi, come Juventus, vogliamo dare il nostro contributo”. Comincia così il discorso di Andrea Agnelli, il quale ha poi proseguito chiedendo a tutti di “rispettare le regole. Restate a casa. Quindi ha aggiunto: “Anch’io ho iniziato un periodo di isolamento volontario. Ma dobbiamo e vogliamo fare di più. Per questo, con i ragazzi, abbiamo lanciato una campagna di raccolta fondi per sostenere il nostro personale sanitario sul nostro territorio, di Torino e del Piemonte. Chiediamo anche a voi di contribuire. In questa difficile fase, pur essendo distanti, restiamo uniti. E tutti insieme usciremo da questo delicato momento.

Visualizza questo post su Instagram

In such a delicate moment, we want to make our contribution. Donate together with Juventus (link in bio) #LiveAhead

Un post condiviso da Juventus Football Club (@juventus) in data: 12 Mar 2020 alle ore 11:52 PDT

Il numero 1 bianconero è solo uno dei 121 che ha scelto la quarantena volontaria perché entrato in contatto con Rugani. La società, infatti, in una nota ha comunicato: “A seguito della notizia relativa alla positività al Coronavirus-COVID 19 del calciatore Daniele Rugani, si specifica che 121 persone, fra calciatori, membri dello staff, dirigenti, accompagnatori e dipendenti di Juventus stanno osservando un periodo di isolamento domiciliare volontario, in osservanza a quanto richiesto dalle autorità sanitarie in base alle disposizioni attualmente vigenti”.

In casa Juve resta alta la preoccupazione: la paura è che altri giocatori possano risultare positivi al Covid-19. El Nacional aveva fatto sapere che anche Dybala è contagiato: la notizia è stata successivamente smentita dalla stessa società bianconera. Tutta la squadra, intanto, è stata sottoposta al tampone. Se non dovessero esserci altri casi di Coronavirus, la squadra potrà tornare ad allenarsi non prima del 25 marzo.

Potrebbe interessarti anche...