Coronavirus, la Puglia piange Ninni Cannella. Nel suo ultimo post facebook, tutta la sua sofferenza

·2 minuto per la lettura
Covid, morto Ninni Cannella
Covid, morto Ninni Cannella

La Puglia è in lutto, a lasciare la vita a causa del Covid, questa volta è Ninni Cannella, noto fotografo e giornalista sportivo, deceduto a 61 anni dopo aver contratto il virus.

Chi era Ninni Cannella?

Volto noto nell’ambito sportivo in Puglia, Ninni Cannella ha vissuto una lunga e florida carriera lavorativa, che lo ha visto come addetto stampa del Football Brindisi nel 2011 e del Taranto; attualmente dirigeva la squadra di calcio del San Severo.

Ninni viveva a Taranto ed era una persona molto amata, la sua morte lascia un senso di vuoto in tutti coloro che hanno avuto modo di conoscerlo e soprattutto nei suoi due figli.

Il Coronavirus

Ninni Cannella è morto a causa di Covid-19, dopo averlo contratto, era stato ricoverato a Pasqua presso l’Ospedale di San Giovanni Rotondo, poi a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni era stato trasportato in terapia intensiva e in seguito in rianimazione, alla fine ha perso la sua battaglia contro il virus.

Ninni era un soggetto estremamente vulnerabile, ma non aveva ancora ricevuto il vaccino anti-Covid.

In un ultimo post Facebook del 6 aprile, pubblicato sul suo profilo social, ha postato tutta la sua sofferenza in una foto che lo ritrae intubato, ecco le parole che ha scritto:

“Non scherziamo perchè no e una passeggiata. Se mi avete voluto ditelo subito, che poi non di s…”.

Un messaggio incompleto quello di Ninni, che probabilmente non ha avuto modo di terminarlo a causa delle sue condizioni, nella foto infatti, si vede che respirava ausiliato dall’ossigeno .

Il cordoglio della San Severo

Tantissimi sui social hanno espresso il proprio cordoglio nei confronti di Ninni Cannella, in particolare la San Severo.

Ecco le parole della San Severo Calcio:

“La Società del San Severo Calcio, la squadra, lo staff e tutti i collaboratori piangono con immenso dolore la scomparsa del Direttore Generale Ninni Cannella, colpito da covid-19, ricoverato presso l’Ospedale di San Giovanni Rotondo e trasferito qualche giorno fa in terapia intensiva.

Tutto il movimento calcistico perde un punto di riferimento, competente ed estremamente corretto, noi perdiamo anche l’uomo ed il fratello artefice del progetto biennale che ci porterà al centenario.

R.I.P. Ninni“.