Coronavirus, Lazio: per lo sport 5 milioni a fondo perduto -2-

Bet
Askanews

Roma, 4 mag. (askanews) - Quanto alla ripresa delle attività, pronto "un sostegno di 1,2 milioni di euro per i soggetti che riaprono da qui a novembre. Prevediamo di alzare, rispetto al passato, l'attribuzione all'80% come misura, con un tetto fino a 5.000 euro e con un progetto per ogni soggetto". Inoltre, ha spiegato Ruberti, "prevediamo una forma di voucher da destinare, per famiglie con reddito più disagiato, ai ragazzi tra i 14 e i 21 anni, con 100 euro a ragazzo fino a dicembre", il voucher è "cumulabile, in caso di famiglie, con 50 euro per ogni figlio. Inoltre prevediamo dei buoni sport da 400 euro, da destinare a una fascia di età tra i 6 e i 17 anni e agli over 65 anni. La prima fascia vorremmo legarla anche al tema dei centri estivi". "Abbiamo convocato per domani un tavolo con una rappresentanza del Coni, delle federazioni, del Cip, delle discipline sportive associate, degli enti di promozione sportiva e delle associazioni benemerite per regolare le modalità di riapertura e funzionamento dei settori. Oggi è uscita una specifica importante del governo con un vademecum corposo di 33 pagine di applicazione del Dpcm del 26 aprile e che servirà a capire la ripartenza delle strutture e degli impianti nelle prossime settimane" ha sottolineato. Il vademecum redatto dal Governo "è rivolto al mondo dello sport e riguarda le linee guida per gli allenamenti degli sport individuali. E' importante perché regola le modalità con cui si può svolgere lo sport individuale all'aperto e al chiuso", ha aggiunto Ruberti. "Alla luce di questo, l'oggetto dell'incontro che faremo domani è arrivare a un elenco definito di quali sport sono possibili". Secondo me, se la curva dei contagi continua a confermarsi, quella del 18 maggio può essere l'altra scadenza in cui ci può essere un incremento delle attività legate ai circoli sportivi". Anche se alcune attività "possono già svolgersi in ambito provinciale", come "tutto ciò che è riconducibile allo sport individuale", citando gli esempi del "ciclismo, corsa e ippica". Poi "ci sono gli sport che sembrano individuali, come il tennis, ma che sono individuali fino a un certo punto e vanno visti, su questo serve qualche giorno in più di cautela". Infine, per quanto riguarda il tema della liquidità, "nel campo dello sport c'erano delle azioni già finanziate, in particolare il bando 'sport in movimento' per l'impiantistica sportiva, per la quale entro questo mese andranno in liquidazione gli anticipi dei progetti pervenuti- ha concluso Ruberti - Si tratta di 203 progetti che erano stati finanziati, di questi per 178 erano giunte richieste di liquidazione dell'anticipazione. Parliamo di circa 2 milioni su un totale di 9,5". 

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...