Coronavirus, positivo ct dell’Arsenal Arteta: ma la Premier prosegue

notizie.it
coronavirus-arteta
coronavirus-arteta

A poche ore dall’annuncio della positività al coronavirus di tre giocatori del Leicester City anche l’allenatore dell’Arsenal Mikel Arteta ha comunicato di aver contratto il Sars-Cov-2 che si sta abbattendo su tutta Europa. Una tegola non da poco per la Premier League, proprio nella stessa giornata in cui il governo britannico ha dichiarato che non fermerà il massimo campionato di calcio nazionale nonostante i numerosi casi di coronavirus che lo stanno interessando.

Coronavirus, positivo Mikel Arteta

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Resa nota la notizia, la società londinese ha immediatamente chiuso il centro d’allenamento è chiesto l’auto isolamento per chiunque fosse entrato in contatto con Arteta. Lo stesso allenatore ha in seguito affermato: “Questo è davvero deludente, ma ho fatto il test dopo essermi sentito male. Sarò al lavoro non appena mi sarà permesso”.

L’amministratore delegato dell’Arsenal Vinai Venkatesham ha dichiarato che in questo momento la priorità della società è la salute dei suo pubblico e dei suoi giocatori, compreso l’allenatore Arteta: “I nostri pensieri sono con Mikel che è deluso ma di buon umore. Stiamo dialogando attivamente con tutte le persone interessate per gestire questa situazione in modo appropriato e non vediamo l’ora di tornare all’allenamento e giocare non appena i pareri medici lo consentiranno”.

Per quanto riguarda invece le prossime partite del campionato di Premier League, il direttore sportivo Raul Sanllehi ha affermato che la società aggiornerà i tifosi sulle nuove date del calendario il prima possibile: “Lavoreremo con Public Health England nei prossimi passi per quanto riguarda le nostre strutture e il nostro personale, e con la Premier League, la Football Association e i club competenti in merito alle nostre prossime partite in Premier League e Emirates FA Cup”.

Potrebbe interessarti anche...