Coronavirus, si aggravano i due turisti cinesi allo Spallanzani

Yahoo Notizie
(AP Photo/Gregorio Borgia)
(AP Photo/Gregorio Borgia)

Si aggravano le condizioni della coppia di turisti cinesi ricoverata allo Spallanzani di Roma, i primi casi di Coronavirus registrati nel nostro paese. A svelarlo è l'ultimo bollettino della Direzione Sanitaria dell'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive: "I due cittadini cinesi nelle ultime ore hanno avuto un aggravamento delle condizioni cliniche a causa di una insufficienza respiratoria. Pertanto è stato necessario un supporto respiratorio in terapia intensiva".

GUARDA LA MAPPA IN TEMPO REALE DEL CONTAGIO

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

GUARDA ANCHE: Ecco il team italiano che ha isolato il virus


I due sessantenni, arrivati in Italia con un volo su Malpensa, avevano fatto un piccolo tour in varie città d’Italia prima di arrivare a Roma all'hotel Palatino. È proprio nella Capitale che il marito ha accusato febbre alta. Da lì è partita tutta la prassi di prevenzione, con la conferma dei test sul contagio del virus arrivata giovedì.

LEGGI ANCHE: Tutte le ultime fake news sul Coronavirus

GUARDA ANCHE: Il rientro dei “cinesi” italiani

II bollettino

"I pazienti sono monitorati in maniera continuativa e sono sottoposti a tutte le cure, anche farmacologiche del caso, compresi farmaci antivirali sperimentali” si legge nella nota della struttura.

Secondo quanto riportato dal bollettino “le attuali condizioni cliniche sono quindi compromesse ma stazionarie, per cui i medici che li hanno in cura si riservano la prognosi".

LEGGI ANCHE: Carcere per chi diffonde “voci” sul virus

GUARDA ANCHE: Nave da crociera in quarantena in Giappone

Coronavirus, dimessi 26 pazienti

Ad oggi sono stati dimessi 26 pazienti dopo il risultato negativo del test per la ricerca del Coronavirus. Sono ricoverati in questo momento 11 pazienti sintomatici provenienti da zone della Cina interessate dall’epidemia. Le verifiche su di loro sono ancora in corso.

Per quanto riguarda le 20 persone, che non presentano alcun sintomo e che hanno avuto contatto con la coppia cinese positiva all’infezione, continuano ad essere osservate allo Spallanzani. “Sono tutte in buone condizioni generali e la loro salute non desta preoccupazioni", recita ancora il bollettino.

A Fiumicino controlli anche sui voli nazionali

Estesi su tutti i voli i controlli con i termoscanner, compresi quelli europei in arrivo negli aeroporti italiani. Ogni scalo installerà gli scanner nelle aree più idonee anche se nella maggior parte dei casi saranno messi alle uscite o nell’area controllo passaporti. Negli aeroporti senza la strumentazione, ha fatto sapere il commissario Borrelli, i controlli saranno effettuati da volontari medici e paramedici della Cri e di altre associazioni di Protezione Civile con i termometri a pistola.

All'aeroporto di Fiumicino si controlleranno anche gli arrivi dei voli nazionali. In tutto sono stati installati 11 apparecchi di nuova generazione per rilevare la temperatura corporea: in particolare 5 termoscanner si trovano agli arrivi internazionali (T3), 3 agli arrivi europei (area Schengen), 3 agli arrivi nazionali.

Potrebbe interessarti anche...