Correa spinge la Lazio verso la Champions: tra Milan, Juve e clausola

Omar Abo Arab
·1 minuto per la lettura

Joaquin Correa sembrava sempre sul punto di esplodere sin dal 2018, quando la Lazio lo acquistò dal Siviglia (che a sua volta lo prese dalla Sampdoria), una crescita frenata dai frequenti infortuni muscolari e da una discontinuità che sembrava senza fine. Ma le 9 reti in 34 gare (6 in campionato e 3 in Champions) possono finalmente far sorridere i tifosi laziali: Il Tucu, pare aver definitivamente spiccato il volo.

Il gol del 2-0 di Correa | Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images
Il gol del 2-0 di Correa | Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images

Merito, certamente, delle sua grandi qualità tecniche, ma anche di una condizione fisica invidiabile che arriva dal tanto sospirato addio ai problemi fisici che spesso lo hanno tormentato. E in questo senso la strepitosa doppietta di ieri rifilata al Milan che ha rilanciato i biancocelesti di Simone Inzaghi verso il quarto posto Champions è solo l'ultima (doppia perla). Proprio la squadra che, nel 2019, provò a portarlo in rossonero offrendo come contropartita Patrick Cutrone, per una trattativa che Maldini vide naufragare a causa della resistenza di mister Inzaghi.

Claudio Lotito | Paolo Bruno/Getty Images
Claudio Lotito | Paolo Bruno/Getty Images

Ma non solo, perchè nei mesi scorsi è emerso anche l'interesse della Juventus, secondo quanto rivelato da Calciomercato.com. Pirlo vedrebbe Correa partner perfetto di Ronaldo e Morata: per Claudio Lotito il Tucu è uno dei big che si possono sacrificare sul mercato, ma solo per un'offerta superiore (di molto) ai 35 milioni di euro. E senza la vecchia clausola da 80 milioni di euro presente sul contratto, il presidente biancoceleste avrà senz'altro più "potere" per (eventualmente) cederlo alle sue condizioni.

Segui 90min su Instagram.