Cosa rischia Zlatan Ibrahimovic dopo l'indagine Uefa. E intanto prova a vendere le quote dell'agenzia di scommesse

Antonio Parrotto
·1 minuto per la lettura

La questione era nota da tempo ma nelle ultime settimane ha ripreso quota, dopo la pubblicazione del quotidiano svedese Aftonbladet e l'eco scatenata su tutti i media: Zlatan Ibrahimovic ha il 10% del marchio Bethard.com, società di scommesse, e ora la Uefa vuole vederci chiaro.

L’organismo del calcio europeo ha aperto ieri un’inchiesta, sulla base del comma 4 dell’articolo 31 della procedura. Per ora la commissione etica e disciplinare ha nominato un ispettore che condurrà un’indagine preliminare, poi potrebbe intervenire la Camera giudicante.

Zlatan Ibrahimovic | MIGUEL MEDINA/Getty Images
Zlatan Ibrahimovic | MIGUEL MEDINA/Getty Images

Il Milan, non a caso, ha posto una clausola nel rinnovo, per tutelarsi in caso di squalifica. Ma cosa rischia l'attaccante svedese? Il giocatore ha violato l'articolo 12, che vieta agli atleti di partecipare direttamente o indirettamente ad attività di scommesse o di avere partecipazioni finanziarie nelle compagnie di betting.

Una squalifica dalle competizioni europee, almeno sin qui, appare abbastanza complicata. Per capire come finirà ci vorrà del tempo, e non è neppure detto che si proceda. Stando a quanto riferito in Svezia, già da tempo i dirigenti federali avevano chiesto info a Uefa e Fifa. La pena più severa potrebbe prevedere anche una lunga squalifica, ma al momento la soluzione più gettonata sembra una multa. E il giocatore sta provando a chiudere definitivamente la vicenda cedendo le sue quote. A riferirlo è La Gazzetta dello Sport.

Segui 90min su Instagram.