Covid, 11 positivi nello Spezia: "Focolaio scoppiato per via di 2 giocatori no-vax. Positivi anche i vaccinati"

All'indomani della notizia in merito al focolaio Covid-19 scoppiato all'interno del gruppo squadra dello Spezia, il medico sociale del club ligure Vincenzo Salini è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo facendo il punto della situazione.

Spezia | Chris Ricco/Getty Images
Spezia | Chris Ricco/Getty Images

"Abbiamo provveduto ad effettuare la prima dose di vaccino. 2 calciatori non hanno voluto effettuarlo perché si ritengono no-vax e si è creato un piccolo cluster dal punto di vista clinico. Per fortuna tutti i ragazzi stanno bene. Un calciatore dei 2 no-vax è risultato positivo e gli altri vaccinati avevano avuto da troppo poco la prima dose per la copertura. Sono sicuro che allo Spezia dopo la seconda dose non avremo più problemi", queste le dichiarazioni di Salini.

Il medico sociale dello Spezia ha poi concluso: "Tutti i club stanno procedendo alle vaccinazioni. Non convocare i no-vax? Spetta ai club decidere, comunque è una percentuale bassa. Questo aspetto spinge ancora di più i calciatori a vaccinarsi. I calciatori dovrebbero vaccinarsi ma noi possiamo fare solo opera di persuasione. Stadi pieni? Si sta lavorando per farlo, io sono fiducioso perché i numeri dell'ospedalizzazione sono bassi e quelli che vanno incontro al ricovero sono non vaccinati".

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli