Covid, ecco in quali paesi europei si può sciare

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

I paesi europei si dividono sulla questione sci: alcuni hanno deciso di chiudere gli impianti, come l'Italia (dove lo stop alle attività sciistiche è stato prorogato fino al 5 marzo), altri invece li hanno aperti ma con restrizioni specifiche per evitare la diffusione dei contagi. Ecco la situazione, paese per paese:

- Italia: stop allo sci fino al 5 marzo.

VIDEO - Gli impianti di risalita non riaprono, settore nel caos

- Stop anche in Germania, Francia, Slovacchia. Nessuna concessione pure in Scozia, dove si trovano gli unici impianti dell'arcipelago britannico.

- Sì, invece, allo sci in Spagna, dove sono accettati sia gli sportivi locali, sia quelli in arrivo da altri Paesi. Via libera anche nell'Est Europa in Polonia, Bulgaria e Romania, così come al Nord, in Svezia, Norvegia e Finlandia.

- In Svizzera gli impianti sono aperti soltanto per gli abitanti locali e i rifugi non possono ospitare per pranzo. Consesso unicamente l'asporto di cibo. 

- Il discorso della Svizzera vale anche in Austria: il Paese permette infatti lo sci unicamente ai locali e impone il solo asporto per i rifugi.

- La Slovenia consente l'attività sciistica ma tenta di dissuadere gli sportivi “in trasferta”, aprendo le piste e chiudendo invece gli alberghi.

VIDEO - Galli: "La chiusura degli impianti da sci ha una sua logica"