Covid, Gimbe: "Allentare misure per Natale avrebbe conseguenze gravi"

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(AP Photo/Ashley Landis)
(AP Photo/Ashley Landis)

La Fondazione Gimbe non è d’accordo con l’idea di allentare le misure anti-contagio in previsione del Natale, come ipotizzato dal Governo nelle ultime ore. Anzi, l’apertura dei negozi e l’alleggerimento delle regole in vista delle festività non potrebbe che avere “conseguenze gravi”.

LEGGI ANCHE: Nuovo Dpcm per Natale: niente cenone, le novità su coprifuoco, negozi e ristoranti

“Se da un lato i rallentamenti dell'ultima settimana rappresentano indubbiamente un segnale positivo, dall'altro è fondamentale rilevare che le curve dei casi attualmente positivi, di ricoveri, terapie intensive e, soprattutto, dei decessi continuano a salire”. È quanto ha sottolineato il presidente della fondazione Gimbe, Nino Carabellotta, riferendosi nello specifico ai dati sull'andamento epidemiologico del coronavirus nella settimana 11-17 novembre.

VIDEO - Quando arriverà il vaccino contro il Coronavirus?

“In questo scenario - ha continuato - tenendo conto dell'attuale livello di sovraccarico di ospedali e terapie intensive e della crescita esponenziale dei decessi, ipotizzare un allentamento delle misure con l’obiettivo di salvare il Natale, rischia di avere conseguenze molto gravi, sia in termini di salute delle persone che di vite umane”.

VIDEO - Paziente intubato suona il violino in ospedale