Covid, zona rossa rinforzata: cos'è e in quali regioni sarà adottata

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

Stesse regole della zona rossa, ma con maggiori restrizioni. E’ questa, in linea generale, la zona rossa rinforzata che, da lunedì 8 febbraio, incombe come minaccia per diversi comuni. In dieci, a partire da domani, ne saranno già confinate.

Ad esserne interessate saranno tutta la provincia di Perugia, sei comuni in provincia di Terni e tre località in Abruzzo: San Giovanni Teatino, Atessa (Chieti) e Tocco da Casauria (Pescara). Tali comuni, confinati in zona rossa rinforzata dalle rispettive ordinanze dei presidenti della Regione Donatella Tesei e Marco Marsilio, dovranno affrontare alcune restrizioni “extra” rispetto alla conosciuta zona rossa.

LEGGI ANCHE - CORONAVIRUS, SEGUI LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

In zona rossa rinforzata, colorazione che si rifà al Dpcm dello scorso 3 dicembre, vale il coprifuoco dalle 22 alle 5, ma ogni spostamento è vietato. Infatti, rispetto alla colorazione rossa nazionale, nei comuni interessati è vietato ogni spostamento al di fuori del proprio comune e della regione, anche per motivi di lavoro. Per poter circolare serve l’autocertificazione e l’autorizzazione del sindaco.

LEGGI ANCHE -Speranza: "Massima prudenza, non è scampato pericolo"

Chiusi i servizi di ristorazione a esclusione delle mense e del catering e resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio. In Umbria prevista anche la chiusura totale di nidi e materne. Le disposizioni avranno validità per due settimane.