Crotone-Fiorentina 0-1: Kalinic alla Cesarini, altro colpo viola

Un guizzo di Nikola Kalinic in una delle ultime azioni del match regala alla Fiorentina i 3 punti a Crotone. Un palo per parte: Ilicic e Falcinelli.

Nikola Kalinic come Cesarini. Secondo goal nel recupero in due giornate di campionato, altri 3 punti alla Fiorentina, seconda vittoria di fila per i viola di Paulo Sousa, finalmente usciti dal momentaccio delle scorse settimane nonostante l'assenza per infortunio di Bernardeschi. Mentre il Crotone prosegue nella propria lenta discesa verso il ritorno in Serie B: la squadra di Nicola ha le occasioni per portarsi in vantaggio, ma un po' per sfortuna e un po' per imprecisione non le sfrutta, dovendosi arrendere nel finale al guizzo del centravanti croato.

In precedenza erano stati i pali i veri protagonisti del match. Il primo di Ilicic, che col sinistro aveva lasciato immobile Cordaz senza trovare il vantaggio per tanto così; il secondo di Falcinelli, tra i più propositivi nel Crotone e vicino al goal anche nel primo tempo, a un passo dal vantaggio nella ripresa con un guizzo mancino andato a stamparsi contro il palo di Tatarusanu. Tutt'attorno al quadro dei due legni, la cornice aveva proposto buone opportunità per Tello e per lo stesso Falcinelli, imprecisi al momento del tiro, e un paio di grandi interventi di Cordaz sullo stesso ex neroverde. Oltre a un dubbio intervento da rigore di Tatarusanu sempre sul centravanti di casa, che gli aveva soffiato il pallone.

L'episodio decisivo arriva proprio al 90', come detto: gran palla del neo entrato Saponara per Kalinic, che con un pallonetto elude l'uscita di Cordaz spedendo dolcemente il pallone in rete. Seconda rete consecutiva in zona Cesarini per l'ex Dnipro, andato a segno negli stessi minuti anche una settimana fa contro il Cagliari. E seconda vittoria di fila per la Fiorentina, in ogni caso ancora lontana dalle posizioni europee. Certo, sta messo decisamente peggio il Crotone: il -8 dall'Empoli a 9 turni dalla fine è quasi una sentenza anticipata.

I MIGLIORI

CROTONE: CORDAZ

La sconfitta può essere imputata a tutti, ma di certo non a lui. Più volte decisivo per tenere la porta chiusa, in particolare su Kalinic, cede solo nel finale al croato.

FIORENTINA: KALINIC

Un altro lampo al 90', come la scorsa settimana: grazie al suo attaccante la Fiorentina è tornata a volare. Un premio all'insistenza di un giocatore che, in precedenza, era stato stoppato più volte da Cordaz.

I PEGGIORI

CROTONE: TONEV

Spalla di Falcinelli, lotta e si impegna ma senza risultati apprezzabili. Mai una conclusione in porta per il bulgaro.

FIORENTINA: TELLO

Tanti guizzi, altrettanti sprechi davanti alla porta. Per fortuna sua c'è Kalinic a mettere una pezza ai suoi errori.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità