Cutrone rinasce con l'Under 21: il Wolverhampton lo mette in vendita, in estate torna in Italia

Federico Zanon
·1 minuto per la lettura

Due gol, per portare l'Italia ai quarti dell'Europeo Under 21, per ribadire che è ancora uno sulla quale vale la pena puntare. La doppietta alla Slovenia è stata una bocca d'ossigeno per Patrick Cutrone, un'iniezione di fiducia in un'annata deludente, quasi da buttare via, dalla quale deve rialzarsi per tornare a essere quel giocatore desiderato da mezza Serie A. Sette mesi, tre squadre e tre paesi diversi, per un totale di 429' in 21 partite, solo due si queste giocate da titolare (Fiorentina-Padova di Coppa Italia e Chorley-Wolvehampton di Fa Cup), con un doloroso zero alla casella gol segnati.

FIDUCIA - A Firenze ha fatto fatica a convincere Iachini e Prandelli, al Wolverhampton è stato solo di passaggio, al Valencia, dove è arrivato a gennaio in prestito secco, ha giocato 23 minuti nell'ultimo mese e mezzo, di fatto senza essere una risorsa credibile per Gracia. Mai protagonista, Cutrone ha sofferto a rimanere fuori, nella notte di Maribor ha ribadito quello sa fare e quello di cui ha bisogno. Fiducia, quella che gli ha dato Nicolato, che la punta cresciuta nel Milan è corso ad abbracciare dopo il primo gol.

ITALIA - Il messaggio che arriva è chiaro, "datemi una chance, dimostrerò quanto valgo". A fine stagione la punta classe 1998 rientrerà al ​Molineux, senza disfare la valigia. Il Wolverhampton, che nell'estate 2019 lo pagò 18 milioni più bonus lo cederà, salvo soprese Cutrone tornerà in Italia, dove cerca un progetto nel quale possa dire la sua, con continuità. In passato è stato seguito da Bologna e Udinese, ma nessuno da escludere nuove opzioni. Soprattutto se dovesse continuare a fare gol, nelle prossime settimane e soprattutto a fine maggio, quando l'Europeo under 21 entrerà nel vivo.