Da Donnarumma a Brahim Diaz e Calhanoglu: la situazione rinnovi in casa Milan

·2 minuto per la lettura

L'indomani della qualificazione in Champions League grazie al secondo posto conquistato in Serie A, il Milan deve sedersi a un tavolo e discutere del futuro. Considerando l'importanza della manifestazione europea e gli introiti derivanti dalla UEFA, il club rossonero è chiamato a dare una prova di grande resistenza sul mercato. A partire dai rinnovi di alcuni calciatori che potrebbero salutare dal 30 giugno per fine contratto.

Gianluigi Donnarumma

Gianluigi Donnarumma | Jonathan Moscrop/Getty Images
Gianluigi Donnarumma | Jonathan Moscrop/Getty Images

Quello di Gianluigi Donnarumma è il nome più chiacchierato del momento. Il portiere classe '99 piace a molte società europee e non sembra convinto dell'offerta da 8 milioni di euro a stagione. Il suo procuratore Mino Raiola ne chiede almeno 10 con tanto di commissioni elevate per favorire la firma del suo assistito, la cui volontà rimane quella di vestire rossonero. La situazione è complicata, ma non compromessa del tutto. Il Milan si è comunque tutelato con Mike Maignan del Lille sulla base di 12 milioni di euro più bonus.

Hakan Calhanoglu

Hakan Calhanoglu | Jonathan Moscrop/Getty Images
Hakan Calhanoglu | Jonathan Moscrop/Getty Images

Attimi decisivi anche per il destino di Hakan Calhanoglu, in trattativa con il Milan da gennaio ma ancora in cerca di un accordo. Dipende tutto dall'ambizione del centrocampista turco, che dovrebbe abbassare le proprie pretese economiche sotto i 5 milioni di euro e rifiutare la maxi-offerta pervenuta nei giorni scorsi dall'Al-Duhail: 32 milioni di euro per le prossime tre stagioni.

Brahim Diaz

Brahim Diaz | Jonathan Moscrop/Getty Images
Brahim Diaz | Jonathan Moscrop/Getty Images

Qualora Hakan Calhanoglu dovesse partire, il Milan insisterebbe maggiormente con il Real Madrid per Brahim Diaz. Il fantasista spagnolo, dopo un inizio di stagione difficile, si è ripreso rivelandosi un'arma in più per la rosa di Stefano Pioli. Il Milan vorrebbe prolungare il prestito di un altro anno inserendo negli accordi un diritto di riscatto. I blancos, invece, attendono di conoscere il nome del nuovo allenatore che sostituirà Zinedine Zidane e, in caso di cessione, vorranno monetizzare subito grazie al cartellino di Brahim Diaz.

Mario Mandzukic

Mario Mandzukic | Giampiero Sposito/Getty Images
Mario Mandzukic | Giampiero Sposito/Getty Images

Certo dell'addio è Mario Mandzukic. L'attaccante croato si è congedato questa mattina attraverso un post su Instagram: "È stato un piacere giocare per il Milan. Sono grato alla dirigenza per avermi dato l'opportunità, allo staff tecnico per il tempo che mi hanno dedicato e ai miei compagni di squadra che non sono solo ottimi giocatori ma un grande gruppo di ragazzi. Sono felice che siamo riusciti a riportare questo fantastico club nel posto dove compete, ovvero in Champions. Auguro a tutti solo il meglio per il futuro". Niente rinnovo per lui, sceso in campo con contagocce a causa di ripetuti problemi fisici da gennaio a oggi.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli