Da esubero della Roma a idolo della Lazio: altro che scommessa, Pedro è l'idea geniale di Sarri e Tare

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

La Lazio punta il Marsiglia per la quarta giornata del gruppo E di Europa League. Un match importantissimo per il quale mister Sarri difficilmente rinuncerà a Pedro, viste anche le condizioni precarie di Immobile. L’attaccante spagnolo in estate si è reso protagonista di un passaggio storico dalla Roma alla Lazio che non si verificava dagli anni 80 (Astutillo Malgioglio). Tempistiche che fanno capire la pressione che una città come Roma ti mette a livello calcistico e per la quale raramente si sono verificati “tradimenti”.

VENDETTA – "Quanto accuserà il passaggio da una sponda all’altra del Tevere?". Questa era la domanda che impazzava tra i tifosi laziali lo scorso 19 agosto, mentre i tifosi giallorossi lo sbeffeggiavano. “Salviamo il mondo, regaliamo un Pedro”, oppure “Ma sì, alla Lazio diamogli i nostri scarti”. Questi e molti altri gli sfottò divampati dal mondo giallorosso ai quali inizialmente il classe ’87 non ha risposto.

L'IMPATTO - “Alla Roma mi hanno lasciato fuori rosa senza parlare con nessuno della dirigenza, stavo vivendo una situazione difficile”, queste le sue prime dichiarazioni ai canali ufficiali del nuovo club. Poi però a parlare è stato il campo. Minuto 19 della stracittadina. Il numero 9 si fa tutto il campo in ripartenza senza palla, chiama Immobile che senza indugio lo serve e il 2-0, sotto la curva sud, è servito. Un incubo per i tifosi giallorossi, un sogno per quelli biancocelesti e il calciatore stesso.

“IDEA GENIALE” – Ma effettivamente la Lazio ci ha visto lungo a scegliere Pedro? La risposta è semplice: assolutamente sì. Il classe ’87 ad oggi è il terzo calciatore più impiegato dall’amico e mentore “Maurizio” (Sarri, ndr) visto che lo chiama spesso e volentieri così. 948 minuti, alla faccia del “vecchietto”. Più di lui solamente Felipe Anderson (1148 minuti) e Milinkovic (966 minuti). Nonostante qualche passo falso, come del resto tutta la squadra, in questo inizio di stagione lo spagnolo pluricampione ha stupito per applicazione e spirito di sacrificio. Tare si è espresso così su di lui: “Vive ogni giorno di allenamento come se fosse il primo della sua carriera. È stata un’idea geniale prenderlo”.

LA (NON) SCOMMESSA - E in effetti non ha tutti i torti il ds biancoceleste. Un attaccante voluto fortemente da Sarri e pronto a fare tutto per quest’ultimo: esterno a destra, a sinistra, fase offensiva e difensiva e all’occorrenza falso nueve. Senza dimenticare il costo: 0. A novembre Pedro ha giocato 14 gare (tutte) collezionando 3 gol pesanti contro Roma, Fiorentina e Atalanta e 1 assist. Lo scorso anno tra infortuni e un ambientamento mai completato chiuse con 40 presenze, 6 gol e 7 assist in giallorosso accumulando solo critiche. Dalle parti di Formello invece è diventato un beniamino "seduta stante". Scommessa vinta? Sì. Anche se ci vuole coraggio a chiamare scommessa un calciatore che ha alzato al cielo 26 trofei tra club e nazionale segnando in 9 finali.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli