Da Insigne a Belotti, per 115 calciatori sarà un Natale in scadenza: rinnovo o addio sotto l'albero?

·2 minuto per la lettura

Quella di portare i giocatori a un passo dalla scadenza del loro naturale contratto è una prassi sempre più comune per il mondo del pallone, accentuata probabilmente dalla pandemia Covid che ha costretto le società di Serie A a rivedere politiche di spesa e a contenere i costi fissi su base annua. Non c'è una squadra che si salva da questa politica e sempre più anche i top club arrivano a dover prendere una decisione sul futuro dei propri tesserati a soli 6 mesi dalla fine degli accordi.

115 IN SCADENZA, SPICCANO INTER, LAZIO E UDINESE - E così il Natale 2021 sarà un Natale in scadenza per 115 giocatori del nostro massimo campionato. Le società con più casi sono Lazio e Udinese, che hanno ben 9 tesserati nell'ultimo anno contrattuale, ma per portata dei giocatir non sono le predominanti. L'Inter ne ha 8 di cui 3 titolarissimi di questa annata, il Milan ne ha 5, ma con nomi altisonanti, mentre la Juventus, ferma a 5, sta per chiudere il prolungamento di due dei casi più caldi (Dybala e Cuadrado). Non c'è come detto, nessuna delle 20 società di Serie a che si salva da questa prassi e anche società come Genoa (8), Bologna, Cagliari e perfino Salernitana, tutte e tre 6 casi, sono alle prese con scelte difficili.

DA INSIGNE A BELOTTI, RINNOVO O ADDIO? - Fra questi, inevitabilmente, in tanti sono in bilico fra un rinnovo e un addio che potrebbe essere firmato, con un precontratto, già a fine gennaio. E tanti sono anche i big come Andrea Belotti, che ha già annunciato la volontà di lasciare il Torino, oppure come Lorenzo Insigne che non riesce a fare passi avanti nelle trattativa col Napoli a differenza di quanto sta accadendo a Dries Mertens. Capitani in scadenza, come anche Alessio Romagnoli, per cui il Milan nutre speranze diverse rispetto a quelle che si hanno (o non si hanno) per Kessie. Discorso simile lo sta facendo l'Inter con Brozovic, per cui c'è fiducia, mentre non ce ne sono molte né per Handanovic e né per Perisic. La Lazio ha un problema in porta con Reina e Strakosha a fine contratto, mentre dall'altra sponda del Tevere il caso per la Roma è l'armeno Mkhitaryan. E poi santoni del nostro campionato come Quagliarella, Destro, Sirigu, Kalinic, De silvestri, Palomino e tanti altri.

Li abbiamo riassunti e suddivisi, squadra per squadra in un lungo elenco in rigoroso ordine alfabetico. Che fareste voi se foste oggi i ds dei 20 club di A con questi ragazzi?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli