Da irriso sostituto di Donnarumma a miglior portiere d'Italia: la rivincita del 're degli underdog' Maignan

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

"Da grandi poteri derivano sempre grandi responsabilità". La frase simbolo della saga di Spider Man deve essere diventata una sorta di mantra per Mike Maignan. Il portiere del Milan, che oggi compie 27 anni, è stato uno dei 5 assoluti protagonisti del 19esimo scudetto vinto dai rossoneri, assieme a Fikayo Tomori, Theo Hernandez, Sandro Tonali e Rafael Leao. Eppure, 365 giorni fa, i discorsi all'ombra dell'ombrellone erano ben diversi: Gigio Donnarumma si apprestava ad accasarsi al PSG, lasciando orfani migliaia di tifosi, preoccupati da ciò che sarebbe accaduto. Nel mentre Iron Mike si apprestava a prendersi Milano, ma i dubbi e le voci contrarie erano tanti.

DA IRRISO SOSTITUTO DI DONNARUMMA A MIGLIOR PORTIERE D'ITALIA - "Non varrà nemmeno la metà di Donnarumma", "La Ligue 1 è diversa dalla Serie A", "Non è un portiere da grande squadra". Poco importava che avesse appena vinto il titolo di campione di Francia da miglior portiere del campionato e che fosse già in lizza per prendersi la maglia da titolare della nazionale campione del mondo. Il tribunale del tifo italiano aveva già espresso il proprio giudizio: Donnarumma out, Maignan in, uguale downgrade. Irridenti, quasi sfacciati e poco preparati.

IL PERCORSO E IL RE DEGLI UNDERDOG - Upgrade, invece. Da irriso sostituto di colui che rimane uno dei migliori portieri d'Europa, nonostante la stagione sfortunata, a miglior portiere d'Italia: il passo è stato breve, è durato soltanto 38 partite. Prestazioni, miracoli a ripetizione, persino il miglior assist della stagione del Milan: nel mezzo un grave infortunio e un rientro repentino, quasi miracoloso. Una stagione da cacciatore, come ama definirsi lo splendido estremo difensore transalpino: che ora vuole prendersi la Champions, dopo essere diventato campione di Francia e d'Italia nel giro di due anni, entrambe le volte non con la squadra favorita. Come direbbe qualcuno, chapeau. E joyeux anniversaire!

@AleDigio89

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli