​Da Locatelli a Dybala: Juve, Cherubini è già sotto esame

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Si entra nel vivo. Lasciate alle spalle le vacanze e soprattutto l'euforia per l'Europeo conquistato a Wembley, la Serie A è pronta a fare sul serio. Lo farà in campo tra poco più di un mese, con il via del campionato fissato per il 22 agosto. Ma lo sta già facendo tra ritiri e mercato, entrato nella fase calda. Come a Torino, dove la dirigenza è al lavoro per regalare a Massimiliano Allegri un nuovo centrocampista nel minor tempo possibile.

L'AFFARE LOCATELLI - Lo sa bene Federico Cherubini, nuovo direttore sportivo. Battezzato, in occasione della conferenza stampa di presentazione, da Andrea Agnelli: "Lui è il primo manager che si è formato ad alto livello all'interno della società. E' vero che oneri e onori vanno sempre attribuiti alle figure apicali, ma è vero che tanti progetti già portano la sua firma. Tutta la parte sportiva andrà sotto la sua responsabilità". Responsabilità, appunto. E tempo di primi esami, per dare subito le risposte attese dalla proprietà e dai tifosi. A partire dall'operazione Locatelli, al centro di un lungo braccio di ferro con il Sassuolo. Che continua a non smuoversi dalla richiesta di 40 milioni di euro. Tanti, tantissimi per una Juve reduce sì dall'aumento di capitale, ma anche da un anno e mezzo di profonda crisi che ha aggravato il rosso di bilancio. Per questo serviranno abilità, diplomazia e pazienza per convincere Carnevali: Cherubini punta ad un acquisto differito, un prestito oneroso con diritto di riscatto che diventa obbligo a condizioni prestabilite, sulla falsa riga dell'affare Chiesa.

IL NODO DYBALA - Ma non solo. Il lavoro di Cherubini non si gioca solo in entrata, ma anche in...permanenza. È il caso di Paulo Dybala e di un rinnovo che slitta da mesi. Dopo l'infortunio e le parole di Agnelli, la trattativa aveva subito un rallentamento. Anzi, si era arenata. Ora, complice il ritorno di Max Allegri in panchina, è pronta a ripartire. Per fare della Joya il punto di riferimento del presente ma soprattutto del futuro della Juve. Cherubini è pronto ad un'offerta da 10 milioni netti bonus inclusi, la richiesta resta di circa 12, in linea con lo stipendio di de Ligt, il più pagato se escludiamo la galassia Ronaldo. Locatelli e Dybala, un acquisto e un rinnovo. Due affari accomunati da qualche richiesta spinosa e da due prolungati bracci di ferro. Da qui dovranno arrivare le prime risposte di Federico Cherubini, volto del nuovo corso bianconero.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli