Da Simona Ventura a Valentina Vezzali. Centinaia di messaggi per Galeazzi: "Immenso uomo di sport"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·5 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
Galeazzi (Photo: Twitter)
Galeazzi (Photo: Twitter)

Giampiero Galeazzi, il popolare giornalista romano ed ex canottiere azzurro, è morto all’età di 75 anni. Era malato da tempo. Tantissimi i messaggi di ricordo e cordoglio sui social, sia da parte di vip che di persone comuni. Tra i tanti che hanno ricordato Galeazzi c’è il sottosegretario allo Sport, Valentina Vezzali, che su twitter gli ha reso omaggio scrivendo: “Ciao Giampiero! Grazie per aver vissuto lo sport da atleta prima e da giornalista poi. Alla tua voce, carica di entusiasmo e passione, sono legati i ricordi di tante emozioni azzurre. Sono certa che stasera anche lo Stadio Olimpico saprà ricordarti per come meriti”.

Intervenuta anche la conduttrice e attrice Simona Ventura, che su twitter ha scritto: “Sono tanti i momenti che mi ricorderò per sempre. Dai campionati vissuti insieme alle Olimpiadi di Barcellona, dove mi divertivo, estasiata, dei tuoi racconti e dei dietro le quinte dello sport. Avercene oggi di inviati come te! Rip Giampiero Galeazzi, lo sport in tv ti deve tantissimo”.

Bisteccone mio …se ne va un pezzo importante della mia vita…”, scrive su Instagram Mara Venier per ricordare l’amico e collega.

“La morte di Giampiero Galeazzi è una notizia sconvolgente, mi lascia senza parole”, ha detto Giuseppe Abbagnale, presidente della Federcanottaggio e campione indiscusso di questo sport, all’Adnkronos. “Siamo stati con la figlia pochi giorni fa e avevamo parlato di lui, mi aveva lasciato molto felice il fatto che si stava riprendendo, invece arriva questa notizia. Se ne va la voce storica del canottaggio, nonché un amico e un personaggio preparato e coinvolgente”, ha aggiunto. “Ci sono tanti aneddoti perché abbiamo condiviso per anni il palcoscenico dello sport, del canottaggio, soprattutto in occasione dei Giochi Olimpici. Le sue interviste e i suoi sfottò veramente spaziavano dalla sua militanza all’interno del mondo remiero, ad atleta, a voce effettiva e indiscussa. Questa notizia mi ha lasciato veramente sconcertato, mi mancano le parole. Non avrei mai voluto ricevere questa notizia, appena possibile sentirò la famiglia per le condoglianze da parte mia e di tutto il mondo remiero”, ha aggiunto il presidente federale.

“Aurelio De Laurentiis e tutta la SSC Napoli ricordano Giampiero Galeazzi, storica figura del giornalismo italiano e indimenticato narratore delle più suggestive imprese azzurre”. Così su twitter il Napoli ha ricordato il giornalista.

La Lega Serie A ha commentato: “Ci ha lasciati Giampiero Galeazzi, voce storica dello sport italiano e grande appassionato di calcio.Lega serie A esprime il proprio cordoglio ai suoi cari”.

“Momenti e parole che resteranno immortali, ciao Giampiero”, scrive la Roma. “Professionista pazzesco, con lui telecronache tra scherzi e risate”, ha invece detto l’ex collega e tennista italiano Adriano Panatta. “Senza parole, perdo un amico”, ha commentato Antonio Rossi, politico ed ex canoista italiano, campione olimpico e mondiale nel kayak velocità.

“Era una persona per bene e un grande giornalista”, ha detto Corrado Ferlaino, azionista di riferimento del Napoli dal 1969 al 2000, nonché più volte presidente del club partenopeo dal 1969 al 1971, dal 1972 al 1983, e dal 1983 al 1993.

“Ci lascia Giampiero Galeazzi, storico giornalista e telecronista sportivo. Ha raccontato le più belle pagine dello sport italiano. Lo ricordiamo anche per essere stato un grande atleta come canottiere. Un abbraccio alla sua famiglia. Riposa in pace”, ha scritto su Twitter Antonio Tajani, Coordinatore nazionale di Forza Italia.

Migliaia gli utenti che su twitter gli hanno reso omaggio: “Un pezzo di storia dello sport se ne è andato. Che la terra gli sia lieve”, “dispiace tantissimo, ci hai fatto emozionare con le tue telecronache”, “Ha raccontato lo sport, il calcio sì ma anche il tennis e il canottaggio, come in pochi altri hanno saputo fare. Emozionando ed emozionandosi dopo ogni grande impresa sportiva. Ciao grande Giampiero”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli