Da Vecino a Sensi, chi può partire e chi può restare: le idee di Inzaghi per le seconde linee dell'Inter

·1 minuto per la lettura

Quali sono le seconde linee da confermare? E chi invece può essere venduto e messo in mezzo a qualche trattativa? La Gazzetta dello Sport oggi in edicola analizza i piani di Simone Inzaghi per i giocatori non titolari fissi nell'Inter.

Matias Vecino | Soccrates Images/Getty Images
Matias Vecino | Soccrates Images/Getty Images

L'analisi parte da Stefano Sensi, uno che il club non vorrebbe cedere, anche per non rischiare una minusvalenza: lo Shakhtar Donetsk di De Zerbi e la Fiorentina di Gattuso restano interessate. Un altro centrocampista che potrebbe partire è Matias Vecino: su di lui c'è il Napoli di Spalletti, con la giusta offerta può salutare Milano. Da valutare anche la posizione di Roberto Gagliardini, sul quale Inzaghi potrebbe puntare come pedina per completare il reparto. In uscita c'è invece sicuramente Arturo Vidal, soprattutto per il pesante ingaggio: sul cileno è forte l'interesse dell'Olympique Marsiglia di Jorge Sampaoli.

Un discorso simile può essere fatto per Alexis Sanchez, classe '88 che percepisce 7 milioni di euro a stagione. Lasceranno invece Milano sia Aleksandar Kolarov che Ashley Young (in scadenza entrambi, si risparmieranno 6 milioni complessivi), mentre resta da valutare la posizione di Danilo D'Ambrosio: "la società ha esercitato la clausola unilaterale per il rinnovo fino al 2022, ma in favore del giocatore c'è una contro-clausola che prevede la possibilità di liberarsi in caso di altre offerte (occhio a Napoli, Roma, Fiorentina e Monaco)" conclude la rosea.

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli