Dakar, Auto, Tappa 7: Sainz concede il tris, Alonso sesto

Matteo Nugnes

La Dakar 2020 sembra essere stata disegnata appositamente per Carlos Sainz e per il Buggy Mini X-Raid. Nel giorno in cui il raid più famoso del mondo ha dovuto fare i conti per la prima volta dal 2015 con la morte di uno dei suoi protagonisti, il portoghese Paulo Goncalves, lo spagnolo ed il suo co-pilota Lucas Cruz non hanno dato tregua agli avversari.

Leggi anche:

Dramma alla Dakar: è morto il veterano Paulo Goncalves

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Sulla speciale più lunga della prima edizione saudita, 546 km di sabbia e dune che conduceva da Riyadh ad Al Duwasir, il due volte campione del mondo rally ha firmato la sua terza vittoria di tappa di quest'anno, la 35esimo in assoluto alla Dakar, che lo pone nell'Olimpo dei più grandi di sempre.

Dopo essere stato guardingo nella prima parte della speciale, ha preso il comando delle operazioni al km 321 e alla fine si è presentato sul traguardo con un margine di 2'12" nei confronti della Toyota di Nasser Al-Attiyah, che quindi si conferma il suo diretto inseguitore anche nella generale, seppur con un ritardo di 10 minuti tondi sullo spagnolo.

Terzo sia nella speciale odierna che nella generale troviamo l'altro portacolori dei Buggy MINI, il francese Stephane Peterhansel. "Mr Dakar" era partito forte anche oggi, ma poi ha chiuso con un ritardo di 2'53" nei confronti del compagno di squadra. Nella generale, dunque, lo segue di 19'13".

Anche oggi Fernando Alonso si è confermato all'altezza dei migliori: il due volte campione del mondo di Formula 1 si è piazzato sesto a 7'49", alle spalle delle altre due Toyota di Bernhard Ten Brinke e di Yazeed Al-Rajhi, che gli ha negato la top 5 per una manciata di secondi. Lo spagnolo, dunque, si avvicina alla top 10 anche nella generale: ora è 14esimo e deve recuperare 7'32" sul cinese Wei Han, che occupa la decima piazza.

Buona anche la prova del locale Yasir Seidan, perché al km 214 era lui a dettare il ritmo con la sua MINI 4x4. Alla fine però si è dovuto accontentare del decimo posto, a 13'32", alle spalle anche della Toyota di Giniel De Villiers e delle altre due Mini di Jakub Przygonski e di Orlando Terranova. Complicata anche la giornata di Mathieu Serradori, che ha pagato 31 minuti con il suo Buggy SRT, rimanendo bloccato su una duna.

Dakar 2020 - Top 10 Auto dopo la 7° Tappa

1

Sainz/Cruz

MINI

27.49'14”

 

2

Al-Attiyah/Baumel

Toyota

+10'00"

+3'00"

3

Peterhansel/Fiuza

MINI

+19'13"

 

4

Al Rajhi/Zhiltsov

Toyota

+44'24"

+2'00"

5

Terranova/Graue

MINI

+55'58"

 

6

De Villiers/Haro Bravo

Toyota

+1.05'58"

 

7

Ten Brinke/Colsoul

Toyota

+1.15'56"

 

8

Serradori/Lurquin

Century

+1.21'57"

+2'00"

9

Seaidan/Alexy

MINI

+2.13'43"

 

10

Han/Laio

Geely

+3.08'30"

+20'00"

Potrebbe interessarti anche...