Dakar, Terranova contro Alonso: "Doveva spostarsi. Gli parlerò"

Sergio Lillo

Orlando Terranova, campione della Coppa del Mondo di Baja FIA 2019, è entrato in prova alle spalle di Fernando Alonso, faticando più del lecito a superare la Toyota Hilux dell'asturiano.

"L'inizio di gara è stato buono. Questo è un deserto che mi ha ricordato quello della Libia. Abbiamo iniziato con una parte molto tecnica. Ho raggiunto in fretta Fernando, ma non siamo riusciti a superarlo", ha dichiarato il pilota argentino a Motorsport.com.

"Siamo arrivati alla neutralizzazione, poi siamo ripartiti un minuto e mezzo dietro Fernando. L'ho raggiunto nuovamente e lì abbiamo potuto passarlo. Purtroppo abbiamo fatto un errore di navigazione che ha fatto perdere molto tempo, trovando poi piloti più lenti che abbiamo fatto fatica a superare".

L'argentino ha chiarito che non presenterà una protesta ufficiale ai commissari. Ma ha comunque insistito che parlerà con Marc Coma, copilota di Alonso, per cercare di avere più rispetto nel corso della gara, una sorta di patto di convivenza.

Leggi anche:

Fotogallery: la prima tappa della Dakar 2020 Dakar, Alonso: "Ho ancora del ritmo da tirare fuori"

"Rispetto Coma, che è un grande punto di riferimento, chiedendogli di avere un po' più di considerazione. Avrò un colloquio privato con lui per cercare una sorta di accordo di convivenza, perché chi parte dietro può avere più ritmo".

"La verità è che sono andati bene, hanno avuto un buon ritmo. Hanno preso un buon feeling con la macchina ed è normale che gli manchi tempo ed esperienza. Queste sono corse che richiedono chilometri per farla".

"E' stato complesso perché c'era molta polvere e quando ti avvicini agli avversari entri in un'area molto difficile, perché c'è molta polvere alzata dal mezzo che ti precede. Dunque devi rischiare molto ed è naturale farsi da parte. Loro hanno pensato non fosse il momento, dunque parleremo con loro".

"Voglio parlare con Marc per creare norme di convivenza. Forse pensavano che potessi passarli nella sabbia. Fernando andava forte ed è stato difficile per noi avvicinarci. Quando lo abbiamo fatto nuovamente siamo finiti nuovamente nella polvere. Per questo motivo siamo stati costretti a riprendere distanza da loro".

Abbiamo poi chiesto a Marc Coma, navigatore di Fernando Alonso, di commentare l'accaduto: "Ci sono stati momenti di navigazione in cui ci siamo persi. Siamo entrati in quella fase assieme e alla fine ci hanno superato. Non c'è nulla da dire", ha sentenziato.