Dal rifiuto alla Juve al contatto con Inter e Milan: la storia di Berardi. E a giugno la scelta sul futuro

Antonio Parrotto
·1 minuto per la lettura

Domenico Berardi sulla bocca di tutti dopo il gol che ha sbloccato Italia-Irlanda del Nord. Terzo gol consecutivo per lui (il primo a riuscirci nell'era Mancini), capocannoniere nell'ultimo anno e mezzo di Nazionale, e una grande prestazione ieri al Tardini.

Il Sassuolo si coccola il suo talento migliore. Un talento che ha scelto di sposare il progetto neroverde, con il compianto patron Squinzi che sognava di farne una bandiera. E sin qui ci è riuscito perché Mimmo ha scelto di non lasciare la sua comfort zone.

Il gol di Domenico Berardi in Italia-Irlanda del Nord | Alessandro Sabattini/Getty Images
Il gol di Domenico Berardi in Italia-Irlanda del Nord | Alessandro Sabattini/Getty Images

Come ricorda calciomercato.com, nell'estate del 2013 la Juventus acquistò la metà del suo cartellino per 4 milioni circa. Nel 2015 furono abolite le comproprietà e Juve e Sassuolo trovarono un'intesa e Mimmo tornò interamente neroverde ma un anno dopo Marotta e Carnevali trovarono l'intesa per la cessione ai bianconeri. Il giocatore però, dopo averci pensato a lungo, rifiutò. Anche Milan e Inter sono state due possibilità concrete nel 2018 ma la valutazione fatta dal Sassuolo fu considerata troppo elevata. E in estate? La situazione è da valutare. Le big sono pronte a tornare all'assalto: sarà l'anno giusto per il sì?

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A.