Dal taglio e il rinvio degli stipendi al progetto 'riduci debiti': oggi Consiglio federale sulla crisi dei club

·1 minuto per la lettura

Il come affrontare la crisi economica del calcio italiano aggravata dalla pandemia sarà l'argomento generale che verrà affrontato oggi nel Consiglio federale che si svolgerà a Roma. In primis c'è da risolvere il problema legato agli stipendi: da una parte la Lega e i club di Serie A che chiederanno tagli e rinvii dei pagamenti, dall’altra i giocatori e l'Aic che sono contrari a questa posizione. Nel dettaglio, la Lega chiederà il taglio di due mensilità ai calciatori: l'unica strada percorribile sembra essere quella di un accordo calciatori-società club per club.

Gabriele Gravina | Stefano Guidi/Getty Images
Gabriele Gravina | Stefano Guidi/Getty Images

Quanto ai rinvii, "la Federcalcio dovrà comunque valutare la situazione magari concedendo un mini rinvio (che non vada oltre la scadenza del 30 giugno per l’iscrizione al campionato). Difficile che si vada oltre" aggiorna oggi La Gazzetta dello Sport.

Durante il Consiglio si parlerà anche del progetto 'riduci debiti' che il presidente della Figc Gravina aveva annunciato nell’ultimo consiglio federale e che ora dovrebbe diventare norma: dal primo luglio, i club non potranno spendere di più di quanto fatto nell’ultima stagione agonistica (ovvero non si può spendere più del 100 per cento di quanto si è speso la stagione prima). La Lega di A non sarebbe però del tutto convinta. Tra gli altri temi di parlerà anche della Salernitana, salita in A e di proprietà di Claudio Lotito così come la Lazio: una doppia proprietà nella stessa categoria è impossibile.

Segui 90min su Facebook.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli