Dalla Lazio alla Cremonese, la Serie A su Carnesecchi: il piano dell'Atalanta

In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Il suo volto, le sue parate, i suoi rinvii: c'è molto di Marco Carnesecchi nella promozione della Cremonese in Serie A. Un traguardo raggiunto a sorpresa per molti, che non pensavano che il talento dei tanti ragazzi messi a disposizione di Fabio Pecchia mixato con l'esperienza dei vari Ciofani, Di Carmine e Bianchetti potesse portare a un salto di categoria. Il campo, invece, ha detto che quella squadra era già pronta a fare un balzo in avanti. Così come lo è il suo portiere.

DECIDE LA DEA - Il classe 2000 di scuola Atalanta si è guadagnato anche sul campo un'occasione che il mercato, molto probabilmente, gli avrebbe comunque regalato: la possibilità di giocare in Serie A. Già in questi mesi, infatti, diversi club si erano informati su di lui, Lazio in testa, e pensavano a un'offerta da presentare alla Dea al termine della stagione. I nerazzurri non hanno alcuna intenzione di privarsi facilmente di lui, nonostante la presenza in rosa di Musso: se arriverà un'offerta considerata irrinunciabile, Carnesecchi farà transito a Bergamo per passare poi a una nuova società, altrimenti continuerà a essere controllato dall'Atalanta, con la possibilità di cederlo in prestito, magari proprio alla Cremonese, per continuare il suo percorso di crescita.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli