Danimarca, la FIFA nega lo slogan sulla divisa

Prosegue la linea di condotta della FIFA sugli slogan politici. A darcene notizia è Le Parisien che informa come la FIFA abbia negato la possibilità alla Danimarca di indossare una maglia d’allenamento con la scritta “Diritti umani per tutti”. La maglietta era volta a denunciare le tante vittime nei cantieri dei nuovi stadi per il Mondiale, ma anche per manifestare solidarietà verso tutte le minoranze, in particolare donne e comunità LGBTQIA+. Temi delicatissimi in un Paese, come il Qatar, nel quale le coppie omosessuali non sono riconosciute e ritenute illegali.

Ora, però, c'è il divieto ufficiale di utilizzo di magliette solidali da parte della FIFA: "Mi dispiace che abbiano scelto così, ne prenderemo senz'altro nota, ma non possiamo che attenerci alle regole. La nostra richiesta di utilizzare queste maglie durante il Mondiale è stata rifiutata. Per me avrebbe solo rappresentato un messaggio universale che non avrebbe dovuto offendere nessuno".", ha dichiarato Jakob Jensen, direttore esecutivo della Federcalcio danese.

Nei suoi regolamenti, infatti, la FIFA vieta di mostrare messaggi politici sulle divise (Art. 27), restrizione che viene applicata anche all’attrezzatura d’allenamento.