Diritti Tv: Sky o Dazn? Oggi un'altra Assemblea di Lega per provare a compattare una Serie A spezzata in due

·1 minuto per la lettura

Altro giro altra corsa e, ancora una volta all'orizzonte un'altra fumata grigia. Oggi in video conferenza si terrà una nuova Assemblea della Lega Serie A per provare a discutere l'ormai divenuto celebre tormentone sulle offerte per i diritti tv e ancora una volta fra Sky e Dazn i 20 club si troveranno fermi sulle rispettive posizioni che, soltanto lo scorso 26 febbraio, avevano dato un esito nullo.

Anche oggi si parlerà dell'assegnazione dei diritti tv per il triennio 2021/2024, ma all'ordine del giorno è stato reinserita anche la trattativa con i fondi di investimento pronti ad entrare nel nostro calcio con un'offerta da oltre 1 miliardo di euro. Di fatto è qui, sulla gestione di questa offerta, che i club si sono spaccati con Roma, Bologna, Torino, Crotone, Genoa, Samp, Sassuolo, Benevento e Spezia che si sono messe di traverso sull'assegnazione dei diritti tv per poter trattare, in contemporanea, anche l'offerta dei fondi.

A tal proposito durante l'assemblea è prevista anche la partecipazione attiva dei rappresentanti dei fondi, che si inseriranno nel dibattito, anche se è già improbabile che possa pervenire da loro un’offerta più alta rispetto a quella attualmente fra le mani dei club.

Il tempo stringe, perché le offerte per i diritti tv scadono il 29 di questo mese e quindi, sebbene ci sia ancora tempo, la volontà del Presidente Dal Pino è quella di mettere ancora una volta i club davanti alle proprie responsabilità anche se la votazione, è già previsto, non riserverà sorprese positive né per Sky e né per Dazn.