Diritti tv verso la fumata bianca: sì a Dazn-Tim, ma con tre partite a Sky. Oggi l'assemblea decisiva

Stefano Bertocchi
·1 minuto per la lettura

Quella di oggi è una giornata che può risultare decisiva per i diritti tv della Serie A nel triennio 2021/24. Dopo i diversi nulla di fatto delle ultime assemblee, i club del massimo campionato italiano sono attesi stamattina dall'ennesima riunione in Lega per trovare una quadra a pochi giorni dalla scadenza della presentazione delle offerte.

Un cameraman durante Juventus-Napoli | Valerio Pennicino/Getty Images
Un cameraman durante Juventus-Napoli | Valerio Pennicino/Getty Images

Secondo La Repubblica questa potrebbe essere la volta buona per la fumata bianca. Oggi la Lega Serie A dovrebbe assegnare a Dazn e Tim i diritti per le 10 partite a settimana del campionato italiano sulla base di un accordo tra le forze opposte, trovato tra le parti nelle ultime ore.

Secondo il quotidiano il fronte dell’opposizione si è deciso quasi interamente ad accettare di votare sì alla proposta della piattaforma streaming, ma ad una sola condizione: che contestualmente si tenga in partita anche Sky. "Come? Accettando l’offerta della tv satellitare per il “pacchetto B”, ossia i 70 milioni per avere in co-esclusiva 3 partite (si potrebbero vedere anche su Dazn)" si legge. Questo per far sì che un partner da 18 miliardi di dollari di fatturato nel 2020 (con cui il sodalizio dura da 18 anni) possa comunque restare in sella.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A.