DIS contro Neymar: "Sapeva cosa firmava, è un traditore corrotto"

Delcir Sonda, fondatore del DIS che deteneva una percentuale del cartellino di Neymar, attacca il giocatore: "E' un traditore, vogliamo giustizia".

Se le cose sul rettangolo verde per Neymar vanno più che bene non altrettanto può dirsi fuori dal campo dove l'attaccante del Barcellona deve fare i conti con le pesanti dichiarazioni di Delcir Sonda.

Il fondatore del DIS, gruppo che deteneva una percentuale del suo cartellino ai tempi del Santos, infatti in conferenza stampa ha sparato a zero contro Neymar accusato di corruzione e tradimento.

"Non avrei mai pensato di iniziare una causa contro un ragazzo che avevo voluto così tanto ma Neymar, sua madre e suo padre mi hanno tradito. Hanno commesso una frode con l'aiuto del Barcellona", attacca Sonda.

Quindi il fondatore del DIS sottolinea: "La corruzione è diffusa in tutto il mondo e appoggiare Neymar è come appoggiare la corruzione, io farò di tutto per combatterla".

Infine Sonda ribadisce: "Neymar ha giocato la finale del Mondiale per Club contro il Barcellona dopo avere già incassato 10 milioni di euro. Ha violato tutti i regolamenti della FIFA ed era ben consapevole che stava firmando dei documenti con l'intestazione del Barcellona.

Lui ha quasi vissuto in casa mia, sulla mia barca tenevo una stanza per la sua famiglia, ho pagato loro un viaggio a Londra e un altro a Gerusalemme... Noi credevamo in lui e ci ha tradito. Ora vogliamo giustizia".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità