Djokovic ha mentito al Governo australiano? Ora si indaga sui suoi movimenti

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
Kelly Defina/Pool via REUTERS
Kelly Defina/Pool via REUTERS

Si complica la vicenda di Novak Djokovic: la decisione finale del ministro dell'Immigrazione australiano sull'espulsione del tennista numero uno al mondo potrebbe slittare. Infatti, il Governo federale sta esaminando se Djokovic abbia mentito nel compilare il suo modulo di viaggio, quando ha affermato di non aver viaggiato nei quattordici giorni precedenti al volo che lo ha portato in Australia.

LEGGI ANCHE: Djokovic si allena e attende decisione Australia

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Caso Djokovic: il giudice dà ragione al tennista serbo, potrà giocare agli Australian Open? Ecco le ipotesi

Tutti i viaggiatori in arrivo in Australia devono compilare il modulo nel quale bisogna dichiarare se si è viaggiato nei 14 giorni precedenti al ​​volo per l'Australia. Da quanto accertato, prima del volo Djokovic ha partecipato ad alcuni eventi. Per esempio, è stato in Serbia.

LEGGI ANCHE: Parla il fratello di Djokovic: “Novak è libero, si è allenato”

Djokovic ha vinto il ricorso contro il governo australiano riguardo alla bocciatura del suo visto, ma è in attesa della decisione finale del Ministero dell'Immigrazione, che può comunque espellerlo dal Paese. La decisione, però, difficilmente arriverà in giornata. Intanto, il tennista si allena per partecipare agli Australian Open.

LEGGI ANCHE: Australian Open, Novak Djokovic verso la partecipazione: "Ci proverò"

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Melbourne, Djokovic torna ad allenarsi

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli