Djokovic, il Governo australiano al tribunale: "Va respinto, decidiamo noi"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Novak Đoković
    Novak Đoković
    Tennista serbo
REUTERS/Susana Vera
REUTERS/Susana Vera

A poche ore dall'udienza sulla validità o meno della certificazione anti-Covid di Novak Djokovic per entrare in Australia, il Governo australiano fa sapere che in aula sosterrà che il tennista numero uno al mondo va respinto. Per Canberra, infatti, l'infezione da Covid non è una motivazione sufficiente per ottenere l'esenzione medica e Novak Djokovic non ha fornito ulteriori prove evidenti di controindicazione al vaccino. 

LEGGI ANCHE: I legali di Djokovic: "Non si è vaccinato perché ha già avuto il Covid"

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Australia, attesa per il ricorso di Djokovic

Qualora il Tribunale dovesse confermare l'annullamento del visto, Djokovic non potrebbe partecipare agli Australian Open. Il Governo australiano ha precisato che esistono criteri per l'ingresso e ragioni per cui il visto può essere annullato o rifiutato. Anche se a Djokovic è stato confermato che le sue domande soddisfacevano i requisiti per poter viaggiare in Australia senza quarantena, il Ministro dell'Interno ha il potere di verificare le prove e di cancellare il visto. L'invito al Tribunale, dunque, è di rifiutare la domanda di Djokovic.

LEGGI ANCHE: Djokovic guarito dal covid? Foto e date, il caso è un rebus

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Il padre di Djokovic attacca: "Gli avevano garantito l'accesso"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli