Djokovic no vax, problemi di visto: bloccato in aereo

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Lo sbarco di Novak Djokovic in Australia si rivela a dir poco complicato. Il visto del tennista serbo non è in regola e sta bloccando le procedure. Djokovic, non vaccinato, viaggia con un'esenzione medica per partecipare all'Australian Open, il primo Slam stagionale in programma a Melbourne. Il trattamento riservato al fuoriclasse ha alimentato polemiche. Il premier Scott Morrison ha chiarito che Djokovic, in caso di documentazione incompleta, verrebbe rispedito a casa.

Djokovic è atterrato a Melbourne, è atterrato al Tullamarine Airport, attorno alle 23.30 locali del 5 gennaio. Il suo visto, riferisce il quotidiano The Age, non è stato accettato. Ci sarebbero dubbi sulla documentazione allegata per giustificare l'esenzione dal vaccino. Non sarebbe chiaro, in particolare, se Djokovic sia guarito dal covid negli ultimi 6 mesi.

La vicenda è complicata dal rimpallo di responsabilità: le autorità federali, addette ai controlli, chiedono l'intervento del governo dello stato di Victoria, che replica esigendo una richiesta scritta. Nessuno, apparentemente, vuole mettere il timbro sul passaporto di Djokovic assumendosi la formale responsabilità di dare il via libera all'ingresso dell'illustre no vax. Dunque, mentre in Australia è già il 6 gennaio, il serbo è ancora nel limbo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli