Dopo il 19° scudetto l'Inter punta alla seconda stella in tre mosse: dal mercato alla comunicazione, la strategia

Stefano Bertocchi
·1 minuto per la lettura

Dopo aver messo in bacheca il 19° scudetto della sua storia, l'Inter inizia già a pensare (con calma) a come impostare il futuro. Il nuovo obiettivo di Steven Zhang, Beppe Marotta e Antonio Conte si chiama ora 20° scudetto, che si tradurrebbe con la seconda stella da cucire sulla maglia. Secondo La Gazzetta dello Sport questo è un progetto che si sviluppa in tre punti: la conferma dei big già presenti in squadra, la possibilità di puntellare la rosa dove serve e la chiarezza nella comunicazione degli obiettivi.

La festa scudetto in Piazza Duomo | Mattia Pistoia/Getty Images
La festa scudetto in Piazza Duomo | Mattia Pistoia/Getty Images

Come assicura la rosea, nel vertice che ci sarà con la proprietà e la dirigenza, il tecnico nerazzurro chiederà la permanenza dell'ossatura della squadra, che tradotto vorrebbe dire trattenere ad Appiano i vari Lukaku, Lautaro, Hakimi, Barella e Bastoni. Poi ci si concentrerà sui possibili innesti, con delle chiare priorità: per la porta si cerca un vice-Handanovic (in nomi sono sempre quelli di Musso e Silvestri), mentre sulla fascia sinistra si andrà a caccia di un nuovo esterno (piacciono sempre Emerson Palmieri e Marcos Alonso e Kostic). Secondo Conte, inoltre, servirebbe anche una nuova mezzala.

Infine, sarà necessario un nuovo attaccante. "Detto che la situazione di Sanchez va considerata in evoluzione, un profilo più pronto di Pinamonti in grado di far respirare Lukaku è necessario - conferma la rosea-. Dzeko non va abbandonato come nome, ma è possibile che il club opti per una soluzione più giovane".

Segui 90min su Instagram.