Dramma Hubert: la F2 domani non torna in pista a Spa

Franco Nugnes
motorsport.com

Nel paddock di Spa-Francorchamps è piombato il silenzio. C'è un clima surreale: la morte di Anthoine Hubert, 22enne del team Arden, durante la gara di Formula 2 che ha seguito la qualifica del GP del Belgio ha fatto ripiombare il Circus in una cappa di dolore.

Pochi minuti prima era esploso l'entusiasmo per la Ferrari con due macchine in prima fila. Poi è come se sia staccata la spina: il sorriso è diventato sgomento e su diversi volti sono sgorgate le lacrime.

Non di coccodrillo, perchè la prematura scomparsa del campione della GP3 Series ha stordito un mondo che, per quanto sia consapevole di quanto il motorsport sia pericoloso, non sia mai facile accettare che un ragazzo di belle promesse non ci sia più per un botto terrificante nel quale non sono serviti i pur validi sistemi di sicurezza che le moderne monoposto adottano.

L'impatto della macchina di Correa è stato devastante: l'ecuadoregno ha centrato la macchina dell'Arden di traverso e l'ha trafitta nel punto più debole. A oltre 200 km/h non ci sono protezioni che tengano quando una macchina ferma viene centrata in pieno.

Le corse sono pericolose, il Raidillon fa paura anche se è una curva che si affronta in pieno come fosse un rettilineo. La Formula 2 ha deciso di fermarsi domani: Gara 2 non si disputerà. Per cordoglio di Anthoine, mentre la FIA ha avviato un'inchiesta sull'incidente. I tecnici della Federazione Internazionale studieranno nuove soluzioni per alzare la soglia di sicurezza. Domani è condivisibile che la serie cadetta si fermi, mentre si disputerà regolarmente il GP del Belgio di F1 e anche la gara di F3. C'è un momento per ogni cosa...

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...