Ducati progetta un test privato a Valencia a fine marzo

Germán Garcia Casanova
motorsport.com

Dopo un primo blocco parziale, relativo alla Lombardia e ad alcune province, il governo italiano ha esteso il regime di quarantena all'intero paese almeno fino al 3 aprile per cercare di contenere la diffusione del Coronavirus.

Questo ha provocato il caos nel calendario della MotoGP, che ha subito vari sconvolgimenti nelle ultime settimane, con la situazione legata al COVID-19 che ha obbligato a cancellare il GP del Qatar e a posticipare le gare in Thailandia e ad Austin.

Allo stato attuale, il Mondiale dovrebbe iniziare il 19 aprile in Argentina, stando ad un calendario aggiornato che è stato diffuso nella giornata di martedì. Tuttavia, questo appare improbabile, visto che l'Argentina ha annullato o posticipato tutti gli eventi sportivi internazionale, compresa la MXGP, poche ore dopo questo annuncio.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Leggi anche:

La Spagna cancella i voli con l’Italia, salta la SBK a Jerez?MotoGP: la gara del Qatar si recupera su un altro circuito?

Il CEO di Dorna Sports, Carmelo Ezpeleta, non ha escluso che la gara persa in Qatar possa essere disputata su un altro circuito nel mese di aprile, ma è difficile capire come e dove sarebbe possibile.

In tutto questo trambusto, i costruttori avevano intenzione se non altro di sfruttare i test privati, con KTM, Suzuki e Honda pronte a scendere in pista a Jerez dal 18 al 20 marzo.

Tuttavia, ora questo sembra in dubbio dopo che la KTM, che aveva affittato la pista, ha scelto di non partire alla volta di Jerez a causa della situazione attuale del Coronavirus.

Un breve comunicato della KTM recita: "Il test privato della KTM MotoGP fissato per metà marzo a Jerez è stato annullato a causa della situazione attuale".

"Non è giustificato inviare all'estero del personale in questo momento, anche al fine di non aumentare ulteriormente il rischio di contagio all'interno dell'azienda".

"Stiamo ovviamente monitorando la situazione di conseguenza e siamo in contatto con i nostri contatti. Abbiamo una responsabilità nei confronti del nostro personale e dobbiamo reagire in modo flessibile alla situazione attuale o ad eventuali cambiamenti a breve termine".

Ducati a Valencia

Ai test di Jerez non avrebbero potuto partecipare la Yamaha e la Ducati, dal momento che il tracciato non fa parte dell'elenco di quelli indicati dai due costruttori. Mentre il team di Iwata aveva pianificato dei test a Motegi per il mese di marzo, la Ducati li aveva programmati a Valencia.

Stando a quanto ha appreso Motorsport.com, il test è ancora in piedi ed è programmato per il 30 e 31 marzo. In sella alla Desmosedici GP20 ci dovrebbe essere il collaudatore Michele Pirro.

A Borgo Panigale stanno lavorando con la speranza che la situazione si possa normalizzare, ma seguono in tempo reale lo sviluppo della crisi del COVID-19, in maniera tale da poter prendere la decisione più appropriata quando sarà il momento.

Potrebbe interessarti anche...