Dura lettera alla Lega sul rinvio di Juve-Napoli: perché la Roma ha ragione

Stefano Bertocchi
·2 minuto per la lettura

Dopo la decisione della Lega Serie A di posticipare Juventus-Napoli al 7 aprile, la Roma ha chiesto ufficialmente il rinvio della partita con gli azzurri, attualmente in programma domenica 21 marzo. Nella dura e pungente lettera scritta dalla società giallorossa all'organo sportivo capitanato da Paolo Dal Pino si parla del rinvio della sfida dell'Allianz Stadium originariamente programmata per il giorno 17 marzo 2021 alle ore 18.45.

Fienga | Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images
Fienga | Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images

Il club capitolino ricorda che "le richieste devono essere formulate per iscritto almeno 15 giorni prima della data nella quale dovrebbe disputarsi la gara di campionato" altrimenti il torneo risulterebbe compromesso. E la Roma su questo punto ha ragione.

Analizzando il calendario, infatti, il Napoli eviterà così il tour de force in trasferta contro Milan, Juventus e Roma (appunto) nel giro di una settimana, arrivando riposata all'appuntamento dell'Olimpico di domenica 21 marzo. Vantaggio di cui non potranno invece godere i ragazzi di Fonseca, impegnati anzi giovedì notte in Europa League e quindi con un giorno in meno di riposo a disposizione degli azzurri a prescindere dal rinvio di Juventus-Napoli.

De Laurentiis e Agnelli | Marco Rosi/Getty Images
De Laurentiis e Agnelli | Marco Rosi/Getty Images

Inoltre, è da non sottovalutare il discorso degli infortuni e delle diffide, con i giocatori attualmente ai box o che in caso nuova ammonizione rischiano di saltare un match particolarmente cruciale per la corsa Champions. Così come non va dimenticato il fatto che la Juventus è ancora in lotta per lo scudetto, ma con il rinvio riuscirà a scamparsi un'altra settimana ricca di impegni che poteva costare qualche punto prezioso.

E attenzione anche alle finestre a disposizione per i recuperi: con altri rinvii nei prossimi mesi (che siano per Covid-19, maltempo o altre motivazioni) le finestre disponibili per altre eventuali partite sarebbero inevitabilmente sempre meno. Anche per 'colpa' di quelle bruciate, proprio come quella il 17 marzo. La sensazione è che Lega Serie A stia gestendo male l'ennesima annata calcistica all'insegna della pandemia.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Roma e della Serie A.