Dure proteste di Paratici nei confronti dell'arbitro Chiffi in Udinese-Juve: il presunto motivo

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
Antonio Parrotto
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Grandi proteste a fine primo tempo di Udinese-Juventus. Alcuni giocatori della Juve, e anche Andrea Pirlo, hanno accerchiato l'arbitro Chiffi mentre si dirigeva verso il tunnel degli spogliatoi. Da Dybala a McKennie, passando per Bentancur a Bonucci, in tanti hanno protestato con l'arbitro alla Dacia Arena.

L'arbitro Chiffi | MARCO BERTORELLO/Getty Images
L'arbitro Chiffi | MARCO BERTORELLO/Getty Images

Lo stesso Andrea Pirlo si è soffermato nei pressi del fischietto patavino. Dalle immagini tv inoltre è apparso anche un altro elemento della squadra bianconera, vale a dire il direttore sportivo della Juventus Fabio Paratici.

Alcuni giocatori della Juve sono andati incontro all’arbitro Chiffi, così come lo stesso Fabio Paratici, chiedendo spiegazioni al direttore di gara. Grande caos al termine del primo tempo. Il motivo scatenante, stando al Corriere della Sera, sarebbe da ricercare nel mancato recupero. Chiffi ha fischiato la fine del primo tempo al 45', senza concedere recupero. Secondo i bianconeri invece, l'arbitro avrebbe dovuto concedere almeno un paio di miunti. Lo stesso Paratici, nel tragitto verso il tunnel, ha intercettato il direttore di gara, protestando veemente, scatenando le proteste a fine partita del dirigente dell'Udinese Pierpaolo Marino, secondo cui le proteste della Juve avrebbero intimidito l'arbitro Chiffi in vista della ripresa del match.

Segui 90min su Facebook.