Dybala chiama la Juventus: "Futuro? Vedremo cosa vogliono fare"

Goal.com
Paulo Dybala al 'The Guardian' ha spiegato le vicende estive: "Il club era intenzionato a cedermi, Sarri mi voleva però e questo mi ha dato forza".
Paulo Dybala al 'The Guardian' ha spiegato le vicende estive: "Il club era intenzionato a cedermi, Sarri mi voleva però e questo mi ha dato forza".

Paulo Dybala, nel suo miglior momento della stagione alla Juventus, si è raccontato al 'The Guardian', parlando un po' di tutto ma concentrandosi soprattutto sulle vicende estive tra campo e calciomercato.

"Sono stato molto vicino alla partenza. Questa era l'intenzione del club almeno, io lo sapevo. Abbiamo aspettato fino all'ultimo minuto. Ma adesso sono qui, in un club che mi ha trattato bene; Sono felice, a mio agio. L'arrivo di Sarri ha aiutato la mia permanenza. Voleva che restassi, il che mi ha dato la forza quando non sapevamo cosa sarebbe successo. Sapevo che poteva insegnarmi, aiutarmi a tirar fuori il meglio di me stesso".

Ma dall'estate scorsa poi si passa anche al presente e soprattutto al futuro. Paulo Dybala non chiude nessuna porta davanti a sé.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

"Mi restano due anni del mio contratto. Non è poco ma non è neanche lungo. Vedremo quali sono i piani della Juventus, se pensano che io possa partire nella prossima finestra di mercato o se vogliono che io resti. Queste cose possono cambiare sempre in un momento, è difficile".

Il presente di Dybala si chiama Juventus, e anche Cristiano Ronaldo. Ma si chiama anche Argentina, e quiindi Lionel Messi. Il numero 10 bianconero gioca con i due fenomeni, ma non si sbilancia a dir chi sia meglio.

"Sono l'unico giocatore che condivide lo spogliatoio con entrambi. La gente vede solo la punta dell'iceberg, non il lavoro che c'è dietro; non hanno vinto tutto quello che hanno vinto perché sono stati fortunati. Chi è meglio? Non posso rispondere... (ride, ndr)".

Spazio anche per parlare dell'idea di gioco di Maurizio Sarri, che sta portando una svolta alla Juventus. Una svolta che a Dybala piace.

"Sono fortunato ad essere in una squadra che vuole il possesso, dove tutti sono tecnicamente bravi, con tanti giocatori in alto sul campo, tante possibilità di giocare la palla. L'idea di Sarri aiuta molto i giocatori. Con il pallone hai un millesimo di secondo per pensare, nulla è improvvisato, anche se conosco i miei compagni, i loro movimenti, i movimenti su cui abbiamo lavorato durante la settimana".

Potrebbe interessarti anche...